E’ online il videoclip del brano d’esordio della cantautrice milanese Elena Canti, in arte Elena, dal titolo Sento’. Il testo parla del rapporto con sé e con l’altro, cioè con quella parte più nascosta ed introversa del subconscio, quella che esiste e convive senza mai farsi vedere in superficie ma che ti mette alla prova inconsciamente. Una richiesta di aiuto alla quale ‘gli altri’ possono rispondere a loro volta solo se lo slancio e la volontà di trovare le risposte scaturiscono in primis da noi stessi. Nel videoclip, girato da Emanuele Colognese, Elena inizia un doloroso ma necessario dialogo con il suo ‘altro’, in una seduta psicanalitica liberatoria, dagli sviluppi inaspettati e avvincenti. Elena è una psicologa e questa seduta assume per lei un significato che travalica la messa in scena davanti a una telecamera, donando con la sua interpretazione ‘problematica’ e ‘nevrotica’ un’autenticità al limite del reale.

Il brano è composto da sonorità elettroniche che, combinate al basso, ne caratterizzano lo stato di irrequietezza, trasmesso con la stessa intensità nelle immagini. Ed è proprio il basso lo strumento di partenza nella costruzione del brano stesso, scandisce e accompagna ogni passo del percorso di scoperta interiore: è l’espressione ed il riflesso di questa ricerca intima. L’artista fin da bambina si appassiona al mondo della musica e studia canto per anni, guidata dal desiderio di realizzarne nel futuro un lavoro al quale dedicarsi con costanza, dedizione e amore. Tutto questo ora è realtà ed il suo debutto con ‘Sento’ ci ricorda uno degli aspetti più importanti della musica: il ‘potere catartico’, quel potenziale che solo le note, con la loro forza espressiva ed unica, sanno trasformare in una vera e propria ‘cura’.