Fiamme che avvolgono le lenzuola
Io che le spengo, ma sono da sola
Cadono i quadri nei corridoi
Sento che arrivi, non so chi sei
Sono il tuo demone coi tattoo
La tua luce rossa, lo smalto blu
Ci sto così bene dentro di te
Come veleno nel mio caffè
E sono venuto (non potevi aspettare un pochino?)
A prenderti, ma non c’eri
Lo so che c’hai un altro, zero problemi
Non sa che pensi solo a me quando vieni
Quando lo facciamo sembriamo click, bang
Perché ogni volta spariamo le tue mani calde
Il mio cuore freddo, due pianeti che non riesco a incrociare
Vento e terremoto, dieci sul ring, eri
I nostri letti sono lapidi, ti sputo addosso
Di’ che ti piace, spingo così forte che cadono i platini, bitch
Ho guardato nel buio, mi ha detto
“Devi cadere in basso per tornare più su”
Me io ci sto così bene qui dentro
Un demone a letto e io sopra di lui
Sia benedetto l’inferno
Sia benedetto l’inferno se l’inferno sei tu
Sia benedetto l’inferno
Sia benedetto l’inferno se l’inferno sei tu
Se non mi fai male abbastanza ci rinuncio
Perché l’amore ha sempre fatto così
Gli occhi si abituano al colore del buio
Cadi dal letto, ti raggiungo lì
Quando muoio andrò all’inferno
Ho già messo l’accapatoio di, quello di Christian Dior
Versa whisky, lo sai che siamo rockstar
Lo sai che se mi stringi mi prendi per la gola
Brr, pow
Ho guardato nel buio, mi ha detto
“Devi cadere in basso per tornare più su”
Me io ci sto così bene qui dentro
Un demone a letto e io sopra di lui
Sia benedetto l’inferno
Sia benedetto l’inferno se l’inferno sei tu
Sia benedetto l’inferno
Sia benedetto l’inferno se l’inferno sei tu
Sto con Gianna, smalto nero come il metal
Sì, sì, italiano, on God, on gangas