(di Daniele Rossignoli) ‘Milano inferno’ è il nuovo singolo del giovane cantautore Marchettini, che anticipa l’album ‘Odiarsi male’ in uscita il 19 febbraio. Nato in provincia di Varese, il giovane Stefano Marchettini si è trasferito a Milano solo da un paio d’anni e abita in via Padova, asse centrale di quel quartiere, ‘NoLo’, che si contraddistingue per la multietnicità dei suoi abitanti e per la sua ‘vivacità’. In realtà, spiega Marchettini intervistato da IlMohicano “Milano non è un inferno, anzi. In questi due anni ho immagazzinato tante immagini che riguardano il quartiere, i suoi abitanti, i suoi palazzi, che mi sono servite, durante il lockdown, per realizzare il disco. Un disco creato in piena quarantena -sottolinea- dove ho ripercorso questi miei due anni di vita nel quartiere”.

‘Milano inferno’, spiega “è un concetto, conseguenza del fatto che, ad esempio, quando a Milano piove la città si blocca, diventa un inferno ed è meglio starsene chiusi in casa. Ma Milano in realtà -sottolinea- è una metropoli incredibile, piena di opportunità. Mi ha dato tantissimo in questi due anni. Da quando mi sono trasferito ho iniziato a fare sul serio, a predisporre un percorso musicale sensato, ragionato perché le possibilità che ti offre questa metropoli sono smisurate”.

“‘Milano Inferno’ -spiega ancora Marchettini-  è una canzone scritta guardandosi allo specchio. Racconta gli stati d’animo che ognuno di noi attraversa nella propria vita. Dalla voglia di conquistare il mondo a quella di rimanere nel letto e spegnere tutto. Tutti vogliamo sempre e solo le ‘cose belle’ -osserva-  ma servono davvero a farci stare meglio?”.

Per quanto riguarda l’album ‘Odiarsi male’ “quando c’è troppo amore -spiega Marchettini- anche nei momenti di crisi non si riesce ad odiare. A volte, durante una lite scappa un ‘non ti sopporto più’ ma il sentimento è talmente forte che alla fine, anche quell’ apparente ‘odio’ lo si vive male. In pratica -conclude Marchettini-  si odia male”.