I Grey Daze svelano il video di ‘B12’, canzone tratta dal nuovo album della band di Phoenix, ‘Amends’ (in uscita il 26 giugno su etichetta Loma Vista Recordings). “Tutto quello che abbiamo compiuto per supportare l’uscita di ‘Amends’ è stato fatto in onore di Chester Bennington” spiega Sean Dowdell, il co-fondatore e batterista dei Grey Daze. “Il video di ‘B12’ non fa eccezione. Volevamo celebrare tutto quanto è stato realizzato per ‘Amends’, un progetto cui Chester voleva dare vita. E in questo video non solo siamo riusciti nell’intento di dare vita al testo, ma anche di avvertire la sua presenza mentre suonando interagivamo con la sua parte vocale”.

La performance dal vivo è inframmezzata da riprese catturate in studio durante la registrazione del pezzo, nelle quali appaiono Head e Munky dei Korn. “La vastità, la forza, la melodia, il flusso inarrestabile… è come il Chester degli esordi”, ha sottolineato Head. ‘Amends’ racconta le origini di una delle voci più riconoscibili del rock, e anche la chiusura di un cerchio per un gruppo di amici. L’album è infatti il completamento di un progetto di riunione dei Grey Daze che Chester Bennington aveva annunciato poco prima della sua prematura scomparsa.

Gli altri membri della band – Dowdell (batteria), Mace Beyers (basso) e Cristin Davis (chitarra) – insieme con i genitori e la vedova di Chester, Talinda Bennington, si erano prefissi la missione di procedere con il progetto grazie alla consulenza di Tom Whalley, fondatore di Loma Vista Recordings nonché amministratore delegato presso la Warner Bros. Record all’epoca in cui i Linkin Park pubblicavano per la casa discografica. Dowdell, Beyers e Davis hanno così selezionato le tracce dall’insieme di registrazioni (in buona parte sconosciute) realizzate nella metà degli anni ’90, e hanno registrato nuove parti strumentali per accompagnare la voce rimasterizzata di Chester Bennington.

Con Jay Baumgardner come produttore, diversi musicisti hanno dedicato tempo, impegno e talento nel concorrere a realizzare l’album: tra questi Brian ‘Head’ Welch e James ‘Munky’ Shaffer dei Korn, Paige Hamilton (Helmet), Chris Traynor (Bush, Helmet, Orange 9MM), LP (Laura Pergolizzi), Jaime Bennington, Jasen Rauch (Breaking Benjamin), Marcos Curiel (P.O.D.) e Ryan Shuck (Orgy). Un documentario in otto parti, intitolato ‘The Making of Amends’ racconta poi il processo che ha portato alla vita il progetto.

Photo credit: Anjella Sakiphotography