Sarà disponibile in tutti gli store digitali a partire da venerdì 27 marzo ‘Nati diversi‘ il nuovo disco di Gianni Bismark. Durante la settimana il rapper romano ha annunciato sul suo canale Instagram la squadra che lo ha accompagnato nella produzione del disco e i nomi dei colleghi che hanno accettato il suo invito a collaborare su questo progetto.

“Il titolo del disco -racconta Gianni Bismark- è un omaggio a tutte quelle persone che si sentono vere in un mondo troppo spesso oggi fatto di costruzioni e finzione. Viviamo circondati da falsi ben costruiti che si mostrano ogni giorno sui social network in un modo ma che nella vita reale non assomigliano affatto ai personaggi che si sono costruiti”.

“Io voglio parlare, raccontare, scrivere -prosegue- per chi come me si sente diverso da tutta questa finzione, si sente uno come tanti, semplice, onesto. Parlo ai miei fratelli e sorelle, e so che ce ne sono tanti là fuori che rivogliono la verità, nei rapporti, nelle storie, nelle immagini…”.

E siccome squadra che vince non si cambia, Bismark ha rinnovato la collaborazione con gli Enemies: “Da due anni lavoriamo insieme, non sbagliano un colpo. E quando ti campionano Piazza del Popolo per un beat…Squadra che vince non si cambia”.

“Si tratta di tracce pensate e scritte tutte in uno stesso periodo -spiega Bismark- seppur ci sono delle differenze tra loro. Insomma, anche loro sono ‘nate diverse’. Quando Yoshi e Manusso (gli Enimes ndr) l’hanno preso in mano sono stati bravi a metterlo a fuoco trovando la giusta alchimia”.

‘Nati diversi’  è composto da 12 brani inediti:

  1. ‘Scherzo rido’,
  2. ‘Nati Diversi’,
  3. ‘Ne hai fatti 100’ feat. Tedua,
  4. ‘Poche persone’,
  5. ‘La Strada è Nostra’, feat. Geolier,
  6. ‘Nse Vedemo Mai’,
  7. ‘Mi Sento Vivo’ Feat. Franco126,
  8. ‘Quello Vero’,
  9. ‘Negativi’ feat. Quentin40,
  10. ‘San Francesco’,
  11. ‘Gianni Nazionale’,
  12. ‘Fateme Santo’.

Il primo singolo estratto dall’album è ‘Gianni nazionale’, brano che si avvale della produzione di G Ferrari (già al lavoro con Tiziano Menghi nel precedente album ‘Re senza corona’) e che è accompagnato da un video girato da Francesco Coppola a Roma, zona Mandrione, dove Pierpaolo Pasolini ambientò alcune scene del suo film ‘Accattone’.