Patrizia Cirulli canta le poesie di Eduardo De Filippo

MusicaNews

Il 9 marzo e il 21 aprile la cantautrice Patrizia Cirulli sarà in concerto al Garage Moulinski di Milano (Via Antonio Pacinotti, 4 – inizio concerto ore 21,30 – ingresso 8 euro) e all’Auditorium Novecento di Napoli (Via Enrico De Marinis, 4 – inizio concerto ore 21,30 – ingresso 12 euro) per presentare live i brani del suo ultimo album ‘Fantasia. Le poesie di Eduardo in musica’. Patrizia Cirulli sarà accompagnata sul palco da Renato Caruso alle chitarre, Mattia Boschi al violoncello elettrico e Gaetano Cappitta alle percussioni. Lo stesso Renato Caruso aprirà le date proponendo due brani tratti dal suo ultimo disco ‘Grazie Turing’.

L’album ‘Fantasia. Le poesie di Eduardo in musica’ è una trasposizione in musica di dieci poesie di Eduardo De Filippo, un omaggio a una delle figure più significative della storia del nostro teatro. L’album, realizzato sotto la direzione musicale di Marcello Peghin e la consulenza artistica di Mimmo Paganelli e edito da Squilibri Editore, spazia tra generi diversi: dal folk alla canzone d’autore. Il disco contiene una nota introduttiva a firma di Pasquale Scialò e alcune immagini dei dipinti di Beppe Stasi.

“Incontrando la poesia di Eduardo -spiega l’artista- è successo qualcosa di magico e straordinario che mi ha portato subito a musicare altre sue nove poesie. Mi sono fortemente appassionata al suo mondo poetico e Luca De Filippo mi diede una prima autorizzazione alla pubblicazione e, successivamente, arrivarono anche le autorizzazioni degli altri eredi che ringrazio profondamente per avermi permesso di realizzare questo progetto. Musicare le poesie di Eduardo è stato come entrare in un mondo che non ho mai incontrato nella mia realtà, ma mi ha permesso di percepirlo come se lo avessi vissuto da vicino”.

Questa la tracklist dell’album: ‘Si t’ ‘o ssapesse dicere’, ‘L’ammore ched’è?’ con Dario Sansone dei FOJA, ‘Relogio cumpiacente (Fantasia)’, ‘Io vulesse truvà pace’ con Fausta Vetere dei NCCP, ‘Penziere mieje’, ‘Quanno parlo cu te’, ‘‘E mmargarite’, ‘È notte’, ‘A…B…C…D…’ e ‘E allora bevo…’.

Patrizia Cirulli è una cantautrice, compositrice, autrice di Milano. Per tre volte finalista al Premio Tenco e per tre volte vincitrice del Premio Lunezia, ha collaborato con vari artisti, fra cui Sergio Cammariere, Mario Venuti, Fausto Mesolella, Sergio Muniz, Vince Tempera, Pacifico. Nel 2012 pubblica il disco ‘Qualcosa che vale’, rilettura in chiave acustica dell’album ‘E già’ di Lucio Battisti, in cui suonano 14 fra i migliori chitarristi italiani come Fausto Mesolella, Luigi Schiavone, Paolo Bonfanti, Massimo Germini, Carlo Marrale. Nel 2016 pubblica ‘Mille baci’ (Egea Music) album finalista al Premio Tenco 2016, vincitore del Premio Stilnovo nell’ambito del Premio Lunezia 2016 e vincitore del Premio La musica della poesia nell’ambito del Premio Bianca D’Aponte 2016. In questo album ha musicato e interpretato in forma canzone poesie di grandi autori (Quasimodo, Merini, d’Annunzio, Pessoa, Catullo, Garcia Lorca, De Filippo, Kahlo e altri). Due anni dopo pubblica ‘Sanremo d’Autore’ (Egea Music), album finalista al Premio Tenco, in cui ha reinterpretato alcuni brani che hanno partecipato al Festival di Sanremo. Nel 2020 ha pubblicato una sua personale versione acustica del brano di Achille Lauro ‘C’est la vie’ e nel dicembre 2021 ha scritto il suo primo libro di poesie dal titolo ‘Sola di fronte al mare’ edito da Pluriversum Edizioni con prefazione di Alessandro Quasimodo.