(di Daniele Rossignoli) In partenza per Sanremo, dove con il fratello Luca sarà in gara con il brano ‘Io sono Luca’ tra le Nuove Proposte della 71/ma edizione del Festival, Matteo Dellai, intervistato da IlMohicano, non nasconde la propria emozione e la voglia di poter al più presto esibirsi sul palco dell’Ariston. Lunedì per i Dellai sarà un po’ la ‘notte prima degli esami’ “e sono sicuro -afferma Matteo- che non dormirò. Già queste ultime notti le ho passate quasi insonne, sognandomi il festival. Sono sicuro che, una volta passata l’emozione, ci divertiremo e speriamo di divertire il pubblico. Abbiamo preparato qualcosa di molto particolare per la nostra esibizione -precisa- ed essendo io e Luca conviventi forse avremo qualche possibilità in più di muoverci sul palco”.

Ma come è nata l’idea di andare al festival? “In realtà l’idea è stata del nostro manager che ci propose un provino l’estate scorsa. Provino che non andò proprio bene perché in quel periodo eravamo impegnati con il lavoro e lo studio. Abbiamo fatto ascoltare ‘Io sono Luca’, che inizialmente si intitolava ‘Castelli di carta’, gli è piaciuto e ha deciso che avremmo potuto provare a Sanremo Giovani”. Matteo e Luca si dividono tra lo studio, il lavoro e la passione per la musica. Il primo frequenta la facoltà di Architettura a Ferrara mentre il fratello studia economia a Roma. D’estate lavorano come ‘stagionali’ nei locali di Cattolica, la loro città, e appena possono si dedicano alla loro grande passione che è, appunto, la musica.

Prima di diventare i Dellai, Matteo e Luca hanno fatto percorsi separati e solo con ‘Io sono Luca’ hanno deciso di unire le forze con la ferma volontà di proseguire su questa strada senza, tuttavia, abbandonare gli studi. Per il dopo Sanremo hanno già nel cassetto un notevole numero di brani, pronti per essere pubblicati: “negli anni -spiega Matteo- sia io che Luca abbiamo composto un sacco di cose. Durante il lockdown abbiamo approfittato per mettere un po’ d’ordine e adesso siamo pronti per far uscire un pezzo alla volta e poi, in autunno, un cd. Di certo -conclude- per l’estate siamo pronti con un nuovo brano e chissà, se si potrà, qualche concerto”.