E’ online su YouTube il video di ‘Luogo comune’, la prima traccia dell’album d’esordio della violinista, attrice e cantautrice Marta Pistocchi, ‘Toponomastica’. Il brano mette in chiaro il focus di tutto l’album: raccontare una Milano diversa, lontana dagli stereotipi, fatta di piccole cose e di gente comune. Una visione laterale che diventa pretesto per affrontare temi universali. La canzone è un invito ironico e pungente ad andare oltre i pregiudizi e a distaccarsi dal pensiero di massa.

Il video, realizzato durante la quarantena come quelli di ‘Serie’ e ‘Sarita’, vede Marta Pistocchi interpretare il ruolo del cosiddetto ‘uomo comune’. Il protagonista, disegnato a tinte rosse, bianche e blu, vive dentro gli spazi della propria casa che diventa la metafora dei confini mentali che tutti noi ci costruiamo e che creano luoghi claustrofobici, affollati di persone. Partendo dai famosi luoghi comuni su Milano, fino a quelli nazional-popolari, l’artista pone con ironia l’attenzione sull’importanza del pensiero critico, che sa superare gli schemi imposti; tutto questo senza rinunciare all’umorismo e alla leggerezza nel tipico stile del teatro canzone  milanese.

Con l’album ‘Toponomastica’, prodotto da Topo Records in collaborazione con Adesiva Discografica e arrangiato da Marta Pistocchi, Mattia Mistrangelo e Massimo Marcer, l’artista racconta l’amore per la Milano popolare, nascosta e resistente, lontana dai luoghi comuni che la descrivono abitualmente. Sonorità acustiche, generi musicali che si rifanno alle influenze musicali dell’artista (balkan, swing, tango e world music su tutti) testi ironici e pungenti, ‘Toponomastica’ celebra la varietà urbana vista dal basso, attraverso le piccole cose che la compongono e che sfuggono all’osservatore frettoloso.

Dalle canzoni contenute nell’album è nato, grazie alla regia di Rita Pelusio e alla drammaturgia di Domenico Ferrari, distribuito da Pem Habitat Teatrali, ‘Toponomastica – Teatro Canzone Comico’, conferenza di topi (interpretati da Marta Pistocchi e Alessandro Sicardi) che analizzano con pungente ironia le regole, gli stili di vita delle nostre città e i vizi e le virtù degli umani che vi abitano.

Toponomastica – Teatro Canzone Comico si ispira alla tradizione del cabaret milanese e dei suoi maestri (Jannacci, Fo, Gaber) per poi contaminarsi: il corpo comico prende il sopravvento, giocando con leggerezza e originalità e nasce un inaspettato pastiche che conduce lo spettatore alla scoperta di una Milano che troppo spesso non sappiamo guardare con occhi attenti.

 

Photo credit: Laila Pozzo