Far ballare e cantare un intero teatro. E’ la magia che sempre riesce alla musica e alle canzoni di Luciano Ligabue, spartito e sottotesto del musical ‘Balliamo sul mondo’, che ha debuttato ieri sera, 26 settembre, al Teatro Nazionale Chebanca. Tra il pubblico in sala anche il cantautore che sulle note di chiusura è salito sul palco per omaggiare uno spettacolo il cui espediente letterario (che non ha alcunché – o quasi – di biografico)  ruota intorno alle sue canzoni. Interpretate, per altro, da un cast di giovanissimi e bravissimi attori e cantanti. La trama non ha a che fare con la storia della vita di Ligabue, ma di quella di 13 ragazzi che nell’ultima notte del 1990 si danno appuntamento dieci anni dopo nello stesso posto, il Bar Mario, per raccontare le loro esperienze, i loro amori, le loro delusioni ma anche i loro successi. Le canzoni del Liga ne sono state la colonna sonora facendo da collante e da motore emotivo. In cartellone fino al 27 ottobre, ‘Balliamo sul Mondo’ è nato da un’idea di Matteo Forte, managing director di Stage Entertainment Italy e Roberto Razzini, managing director di Warner Chappel ed è stato scritto e diretto da Chiara Noschese, visibilmente commossa alla fine della rappresentazione.  “E’ lo spettacolo del mio cuore –aveva sottolineato Chiara Noschese in occasione della presentazione alcuni giorni fa- Un progetto partito due anni fa che abbiamo presentato a Luciano. Gli è piaciuto e durante l’ultima prova generale ci ha dato il suo sostegno e alcuni contributi che sono stati per noi determinanti”.