Gazzelle: “A Sanremo cerco emozioni”

Last Updated: 8 Febbraio 2024By Tags: ,

Sanremo

“Se non vinco mi dispiace per la musica italiana”. Con questa battuta, che ovviamente è uno scherzo, Gazzelle cerca di stemperare la tensione per la sua prima volta al Festival. “E’ il mio primo Festival. La prima sera è stata veramente emozionante. Mi tremava la voce ma questa cosa mi piace perchè sono venuto qui proprio per questo, per emozionarmi e per cercare di emozionare gli altri. A me piace proprio questo della musica, il fatto che crea delle emozioni, che crea dell’empatia”.

“Salendo sul palco ho pensato che, tutto sommato, era solo un palco. E il palco è il posto in assoluto che preferisco, assieme al divano. Io sono una persona abbastanza riservata, in qualche modo anche timida e proprio per questo ho voluto venire a Sanremo, come una sorta di terapia d’urto. Ho pensato che fosse il modo più rapido per recuperare tutti gli anni in cui non mi sono fatto vedere. Non amo troppo i riflettori, la fama, la popolarità. Io scrivo canzoni perchè ne ho bisogno, non riesco a non farlo. Lo farei anche se nessuno le ascoltasse. A me piace solo la musica”.

“Tutto ciò che riguarda il successo non mi tocca più di tanto, non l’ho mai inseguito. Il palco di Sanremo è una esperienza di vita ed è per questo che sono qui. Sono qui anche perchè i miei artisti preferiti ci sono stati e quindi ho voluto esserci anch’io. C’è stato Vasco Rossi, c’è stato Rino Gaetano. C’è stato Lucio Dalla e Samuele Bersani. Mi sono detto se ci sono stati loro mi fido, ci vado pure io”.

Nella serata delle cover Gazzelle proporrà, assieme a Flminacci, ‘Notte prima degli esami’ di Antonello Venditti. Al di là che entrambi i due artisti sono romani “Antonello Venditti è un idolo per tutti. Se per qualcuno non lo è vuol dire che ha un problema. Fondamentalmente, al di là di omaggiare Venditti a Sanremo c’era l’idea di omaggiarlo come cantautore e per tutto quello che ha fatto per la cultura italiana”.

Credit Photo: Simone Biavati