Amoroso, Mannoia, Ghali i preferiti dei social

Sanremo

Amoroso, Mannoia, Ghali i preferiti dei social. Secondo i pronostici, elaborati dalla società di strategia, comunicazione e marketing digitale DeRev, sarebbe questo l’ordine di arrivo al 74/mo Festival di Sanremo.  Per il terzo anno DeRev ha ponderato il ‘fattore-community’ dei cantanti in gara a Sanremo. Vale a dire il vantaggio che può derivare a ciascuno di loro dal supporto di follower disposti a mobilitarsi per un loro successo. La classifica del 2024 vede Alessandra Amoroso in testa grazie alla seconda community più ampia (8 milioni e 940mila follower) dopo quella di Emma (12 milioni e 744mila). Dietro ad Alessandra Amoroso c’è Fiorella Mannoia, che può contare sui 2 milioni e 811mila follower. Al terzo posto della classifica DeRev c’è Ghali seguito da Annalisa e Angelina Mango.

ROBERTO ESPOSITO (DEREV)

“La nostra analisi -spiega il CEO di DeRev, Roberto Esposito– valuta la performance dei cantanti sui social media ai blocchi di partenza. Durante la settimana può accadere di tutto, ma qui scopriamo chi sta già scaldando la community. Mannoia non lascia mai soli i propri follower, il suo dialogo con loro è costante e di qualità. Amoroso però vanta una post interaction del doppio (8,15% contro 4,52% di Mannoia): se chiamasse gli utenti al voto, potrebbe raccogliere una risposta importante”.

IN FONDO ALLA CLASSIFICA

In fondo alla classifica, stilata sulla base del DeRev Score, ci sono Geolier, I Santi Francesi e Fred De Palma. Punteggio derivante da un algoritmo proprietario sviluppato per misurare l’efficacia della comunicazione sui social media a partire dal numero di follower e numero di post. Fatta eccezione per i vincitori di X Factor (solo 148mila follower), gli altri devono lo scarso posizionamento al fatto che pubblicano poco o molto poco.

LA FREQUENZA DI PUBBLICAZIONE

“La frequenza di pubblicazione è indice del legame tra community e artista. Sebbene sia Geolier che De Palma abbiano un notevole numero di follower, non ingaggiarli preparandoli alla gara potrebbe causare la dispersione di un vantaggio competitivo. Certamente, entrambi potrebbero risvegliare la community durante il Festival, ma farlo per tempo li avrebbe fatti partire in tutt’altra situazione”. Stesso rilievo per quanto riguarda Mr.Rain. Il cantautore isola alcuni valori di engagement molto alti. E’ comparso con tre post su Facebook nella Top10 che DeRev stila alla fine dell’anno per individuare i contenuti più popolari. Anche per lui, la posizione nella classifica social di Sanremo è dovuta al mimino numero di post pubblicati (solo 8).

IL FESTIVAL

Il Festival, in generale, gode di ottima salute e incrementa i già buoni risultati, in termini di visibilità e seguito, della scorsa edizione. Ad oggi, conta su 2 milioni e 819mila follower tra tutte le piattaforme, con un incremento di 768mila utenti rispetto all’anno scorso. L’engagement risulta ‘normalizzato’ (1,29%): l’anno scorso, infatti, spiccava un 6,3%, ma dovuto al neonato profilo TikTok che fu aperto proprio nel mese di gennaio 2023. Secondo il report di DeRev sui post più popolari che hanno ricevuto più interazioni, nel 2023 Sanremo è stato al secondo posto. Nei trend di conversazione sui social media (11 milioni di interazioni), è stato preceduto soltanto al Milan (oltre 14 milioni di interazioni). Seguito da Giorgia Meloni (8 milioni di interazioni).

LE CLASSIFICHE DEREV

DeRev studia le community social dei cantanti in gara a Sanremo da tre anni. Nell’edizione del 2022, i primi 3 classificati del Festival (Blanco-Mahmood, Elisa, Gianni Morandi) si trovavano nei primi 5 posti della classifica DeRev (rispettivamente: terza, quinta e prima posizione). Nell’edizione del 2023 Mengoni, Lazza e Ultimo (che si sono classificati primo, secondo e quarto), erano sul podio della classifica pre-gara di DeRev.

“Ciò dimostra -conclude Roberto Esposito- che i social sono entrati definitamente nella competizione televisiva e possono giocare un ruolo non indifferente. Molto faranno le iniziative dei cantanti durante la settimana del Festival. Aver però seminato nel corso del tempo offre ad alcuni di loro un bottino affidabile al quale attingere nei momenti decisivi”.