Peter Gabriel pubblica il primo singolo tratto dal suo prossimo album ‘i/o’. Il brano è accompagnato da una cover realizzata dall’artista David Spriggs. Scritto e prodotto da Peter Gabriel, ‘Panopticom’ è stato registrato ai Real World Studios nel Wiltshire e ai The Beehive di Londra.

“Il primo brano si basa su un’idea a cui ho lavorato per dare inizio alla creazione di un ‘globo’ di dati accessibile e infinitamente espandibile: Il Panopticom”, dice Peter Gabriel. “Stiamo iniziando a mettere in contatto un gruppo di persone che la pensano allo stesso modo e che potrebbero essere in grado di dare vita a questo progetto, per permettere al mondo di vedere meglio se stesso e di comprendere meglio ciò che sta realmente accadendo”.

Dal punto di vista musicale, ‘Panopticom’ si muove grazie alla ‘sala macchine’ dei collaboratori di lunga data Tony Levin, David Rhodes e Manu Katché, supportati dall’elettronica di Brian Eno. I cori aggiuntivi sono di Ríoghnach Connolly dei The Breath. Il testo è in parte ispirato al lavoro di tre gruppi, Forensic Architecture, Bellingcat e l’organizzazione pionieristica per i diritti umani Witness, co-fondata da Gabriel.

“Uno dei concetti di cui scrivo questa volta -spiega Peter Gabriel- è l’idea che sembriamo incredibilmente in grado di distruggere il pianeta che ci ha dato i natali e che, se non troviamo il modo di riconnetterci alla natura e al mondo naturale, perderemo molto. Un modo semplice per pensare a dove ci collochiamo in tutto questo è guardare il cielo… e la luna mi ha sempre affascinato”.

Ogni nuova uscita musicale sarà accompagnata da una specifica opera d’arte, “abbiamo esaminato il lavoro di diverse centinaia di artisti”, dice Gabriel, e ‘Panopticom’ è caratterizzato dall’opera ‘Red Gravity’ di David Spriggs.

“È stato il tema del controllo a mettermi in contatto con il lavoro di David Spriggs -spiega- perché aveva realizzato un’opera in merito. David fa cose incredibili utilizzando molti strati di trasparenze, così da ottenere queste strane creazioni con una reale intensità. Parte di ciò che fa è immaginare come potrebbe essere l’arte tra qualche anno, nel futuro e poi cercare di creare di conseguenza e credo che in questo pezzo in particolare ci sia riuscito molto bene”.

Oltre alla nuova musica, Peter Gabriel intraprenderà un tour nel corso dell’anno, che lo vedrà protagonista di due date live in Italia il 20 e 21 maggio all’Arena di Verona e al Mediolanum Forum di Milano.

 

Credit Photo: Nadav Kander