Tempo, Essenziali in solitudine‘, è il titolo della prima mostra fotografica personale di Maxime Alexandre, che inaugurerà il 19 gennaio per concludersi il 22 a Palazzo Palumbo Fossati, Venezia. Vi è una chiave di lettura, ma ogni fotografia riesce a trasportare l’osservatore in un luogo silenzioso aperto a qualsiasi riflessione, freddo nella sua tonalità ma nello stesso tempo intimo. Maxime Alexandre ha voluto sottolineare il richiamo alla pittura, da sempre utilizzata come riferimento nel suo lavoro cinematografico di Direttore della Fotografia, scegliendo una stampa che ha avvicinato le fotografie ad acquarelli. “Il cinema è un lavoro di squadra, un insieme di artisti che segue la direzione del regista, come un’orchestra con il suo direttore, ed è a loro che dedico questa mostra, un’interpretazione di ognuno di loro, solitario nella sua arte ma essenziale all’opera, alla storia, alla memoria.” A condividere la propria riflessione su alcune delle fotografie, le voci di Marjane Satrapi, regista e pittrice iraniana, autrice del film di animazione Persepolis e del film The Voices realizzato con la fotografia cinematografica di Maxime Alexandre stesso, ed Alexandre Aja, regista e produttore francese con cui l’autore ha girato più film, fra cui ‘The Hills Have Eyes’ ed ‘Oxygène’. Insieme alla mostra fotografica, Maxime Alexandre presenta anche un breve film d’essais: “Quando osservo un’opera, provo spesso ad andare al di là del compiuto, cercando di immaginare l’emozione o lo stato d’animo dell’artista nell’istante in cui ha cominciato a metabolizzare l’idea. “TEMPO, Essenziali in solitudine” è anche questo filmato in cui comincio un viaggio alla ricerca dell’emozione provata dall’artista nell’istante in cui un’idea prende vita. Un lavoro incompiuto, un semplice approccio che crescerà con il tempo.” (COM-MH-MM)