Meno per meno. Il risultato? Un segno positivo. E’ una regola matematica, e anche umana. Ma è innanzitutto il titolo di un nuovo progetto discografico che risponde alla promessa fatta all’Arena di Verona da Niccolò Fabi, che accoglie nei suoi arrangiamenti un nuovo afflato, corale, meno introverso rispetto al suo linguaggio. E’ l’Orchestra Notturna Clandestina diretta dal maestro Enrico Melozzi ad accompagnarlo in 4 inediti e 6 brani tra quelli noti del suo percorso artistico. Un disco che, spiega Fabi, “non è un live ma nasce dall’esperienza del concerto di Verona. Ha una sua storia che risponde a una unità di suono, più che a una unità di tempo”.
Si tratta di brani scritti in tempi e momenti diversi, accomunati “probabilmente dalla stato d’animo musicale e di introspezione”. Nulla di malinconico, anzi. “In questi 25 anni il mio modo di scrivere ha forse avuto un solo merito. Di aver tenuto per mano l’ascoltatore raccontando le stagioni della vita con coraggio, anche nei traumi e nelle consapevolezze non sempre facili da accettare. Perché per fortuna una certa percentuale di esseri umani nei propri momenti di difficoltà prova conforto nel rispecchiarsi in una musica che ha quello stesso stato d’animo. In modo da attraversarlo fino in fondo riuscendo così a liberarsene e magari a tornare a sorridere, per quell’effetto catartico che l’arte può ottenere quando due energie apparentemente negative moltiplicandosi tra di loro ne generano una positiva. Meno per meno dà più per l’appunto”. “Unire il mio mondo sonoro con l’orchestra notturna clandestina ha dato poi la possibilità a quattro canzoni inedite, che forse avrebbero aspettato anni per vedere la luce, di vestirsi con lo stesso abito di quelle già edite e di trovare così il coraggio di uscire”: sono ‘Andare Oltre’, ‘L’uomo che rimane al buio’, ‘Di Aratro e Di Arena’, ‘Al di fuori dell’amore’, che si aggiungono a: ‘Ha perso la città’, ‘Una mano sugli occhi’, ‘Solo un uomo’, ‘Una buona idea’, ‘Costruire’ e ‘A prescindere da me’.
L’album’ verrà presentato al pubblico da Niccolò Fabi all’interno di alcuni spazi culturali e negozi in 11 città italiane a partire da giovedì 1 dicembre. Durante gli incontri verrà proiettato un contenuto video inedito e il pubblico potrà dialogare direttamente con il cantautore.  Si parte da Torino per arrivare il 2 dicembre a Milano in Santeria alle 19, poi sabato, 3 dicembre a VeronaA nel Teatro Fonderia Aperta, quindi domenica 4 dicembre a Genova ai Giardini Luzzati . E poi Roma, Palermo, Napoli, Bari, Cagliari, Firenze, Bologna. Quindi il tour, da aprile, nel 2023. Ovviamente insieme all’Orchestra Notturna Clandestina del maestro Melozzi, organizzato da Magellano Concerti e prodotto da Ovest.
Niccolò Fabi, foto di Arash Radpour