I pupazzi del calcetto puntano alla porta avversaria, inconsapevoli di non essere i veri giocatori della partita. Così Paolantonio presenta il suo ultimo singolo ‘I pupazzi del calcetto’, prima traccia di ‘Io non sono il mio tipo’, l’album d’esordio del cantautore di origini siciliane. ‘I pupazzi del calcetto’, osserva “sognano lo scudetto senza sapere di essere in trappola, ostaggio di un gettone, costretti a guardare avanti. Così come i giovani di tanti comuni di provincia, trafitti da una stecca all’altezza del petto, che giocano partite, e vite, sempre uguali, tracciando percorsi già segnati che quasi sempre portano all’annichilimento”.

“Era un torrido pomeriggio di agosto -ricorda Paolantonio- mi trovavo di fronte a una sala giochi, nella periferia della mia Catania, e vidi questi ragazzi che giocavano furiosamente a biliardino, da noi si chiama calcetto, e un viavai di motorini che arrivavano e partivano da quel posto. Non ci misi molto a realizzare che la sala giochi, cristallizzata agli anni ’90, era solo la copertura di una piazza di spaccio e quei giovani, cresciuti nella violenza e nel degrado, difficilmente sarebbero emersi in un contesto diverso. Certo, magari potrei raccontare anche le cose belle della mia terra, ma io sono un cantautore, non un’agenzia viaggi. Io racconto il mio Sud, tradito dai governanti, venduto dai suoi abitanti. Racconto gli aranci abbandonati e le case senza la facciata in mezzo ai quali sono cresciuto e tanti miei coetanei si sono persi: chi in prigione, chi mangiato dalla droga, chi non c’è più. Dedico questo brano a loro e alla fortuna che ho avuto, io, di potermi salvare grazie alla musica”.