È online la 14/ma puntata di ‘Diario di bordo’ con Davide ‘Boosta’ Dileo, Hainbach e il duo MacchineNostre

Senza categoria

È online la 14/ma puntata di ‘Diario di bordo’ che vede lo speciale incontro tra il tastierista Davide ‘Boosta’ Dileo, anche conosciuto come uno dei membri fondatori dei Subsonica, il compositore tedesco di musica elettronica sperimentale Hainbach, tra i migliori musicisti di musica elettroacustica ed il duo MacchineNostre in un’improvvisazione appositamente eseguita per la trasmissione YouTube dell’Astronave Recording Studios.

Questa estemporanea musicale nasce all’interno del Museo del Synth Marchigiano, di cui MacchineNostre di Paolo F. Bragaglia ed Agostino M. Ticino rappresenta il braccio esecutivo volto a riattualizzare le sonorità dei vecchi strumenti a tastiera di quello che fu il Distretto Industriale degli strumenti musicali di Castelfidardo – Loreto – Recanati.

Il Museo del Synth Marchigiano è un progetto che ha preso corpo negli ultimi 10 anni, coagulando musicisti, collezionisti e semplici appassionati che, nel corso del tempo, hanno raccolto e conservato le tastiere e le batterie elettroniche marchigiane ed italiane. Il museo ha così fatto fronte alla necessità di storicizzare e conservare quegli strumenti che tanto caratterizzarono la musica tra gli anni ’60 e gli anni 80, reimmettendoli anche nel corpo vivo della musica odierna. Farfisa, EKO, Crumar, ELKA e Welson furono solo alcuni dei marchi che ancora oggi riecheggiano in vecchi e nuovi album. In questo contesto il Museo del Synth Marchigiano è diventato meta privilegiata di musicisti da tutto il mondo, favorendo incontri e nuovi progetti. Nasce così la collaborazione che ha portato il compositore tedesco Hainbach ed il tastierista e pianista Boosta sul palco del MayDay Feastival di Sant’Elpidio a Mare, assieme al progetto MacchineNostre.

Nella puntata di ‘Diario di bordo’, Hainbach e Boosta ci raccontano il loro rapporto privilegiato con i vecchi sintetizzatori nostrani, il ruolo che hanno nella loro ricerca musicale e come sono venuti in contatto con la realtà del museo. Bragaglia e Ticino ne raccontano invece storia ed evoluzione, senza trascurare l’incontro con quegli ingegneri che, di quegli strumenti, furono i principali fautori. Allegra Guzzini e Matteo Moretti conducono la puntata visibile nel canale YouTube dell’ Astronave Recording Studios.