‘Quasi due innamorati’, la dichiarazione d’amore del terzo tipo di Maseeni

Senza categoria

‘Quasi due innamorati’ è il nuovo singolo di Maseeni, una dichiarazione d’amore del terzo tipo. Un amore viscerale, lucido e incazzato. Un sentimento puro e incondizionato per le proprie radici. “Una carezza a un luogo, a una casa e a una comunità -spiega l’artista- che nel mio immaginario sembravano eterne e che invece sono state cancellate sotto ai miei occhi, dal terremoto prima e dalla politica poi. Questa canzone è l’eco della meraviglia che mi pervade quando, nonostante tutto, ‘lei’ riesce ancora a regalarmi le more più buone, i funghi più grandi e le sue lune piene”.

‘Quasi due innamorati’ è un brano nel cui sound confluisce la semplicità e la morbidezza del pop di matrice italiana e internazionale insieme alla ricerca sonora del mondo psych, che restituisce un immaginario limpido ma allo stesso tempo tutto da scoprire poiché dietro all’apparente semplicità di ciò che racconta si celano visioni nascoste e più profonde.

Maseeni è Lorenzo Masini. Nasce a Roma nel ‘94. Imbraccia la prima la chitarra a soli 11 anni e il suo punto di riferimento musicale diventa Jimi Hendrix. Forma la sua prima band nel 2008, durante il primo anno di liceo e con questa inizia l’esperienza di scrittura dei primi brani originali. A soli 17 anni, insieme alle prime esperienze live in giro per l’Italia, inizia la collaborazione (tuttora attiva) con Francesco De Melis (antropologo visivo/musicale), con il quale scrive ed esegue nel 2011 la colonna sonora dello spettacolo teatrale ‘L’Infinito’ di Tiziano Scarpa e poi ancora, nel 2016, ‘Miseria e Nobiltà’ di Eduardo Scarpetta.

Nel 2013 fonda i Transmission, band dal sound trasversale con influenze jazz, blues, rock e sperimentali. Con loro continua l’esperienza live che lo porta anche ad aprire il concerto degli Spyro Gyra a Roma. Nel 2015 fonda insieme a Giulia Oddi il progetto trip hop-electro pop Govinda. Il 2016 è invece l’anno del fondamentale incontro con la musicoterapia. Decide di iscriversi alla triennale di musicoterapia alla FEDIM e presto inizia a lavorare come musicoterapeuta nel reparto TIN (terapia intensiva neonatale) del Fatebenefratelli di Roma, dove tutt’oggi porta avanti il suo progetto chiamato “Musicoterapia in TIN”.

Il 2018 segna l’inizio di importanti esperienze internazionali. Il suo stile chitarristico e il suo approccio originale al mondo dei sintetizzatori vengono notati da due delle band romane più attive sulla scena psych internazionale, Weird Bloom e Big Mountain County. Entra a far parte in pianta stabile della lineup di entrambe le band che lo porteranno in pochi anni a fare diversi tour europei.