Oumou Sangaré pubblica il suo nuovo album in studio ‘Timbuktu’. Dell’album e della sua pubblicazione, Oumou ha detto: “Ho bisogno di cantare ‘Timbuktu’ per liberare me stessa prima di tutto e per sostenere e mostrare al resto del mondo il valore di ‘Timbuktu’ e ciò che rappresenta per noi maliani e per l’umanità in generale”. L’album include il recente singolo ‘Wassulu Don’, una gioiosa espressione dell’orgoglio della città natale di Oumou, che è stato recentemente inserito in playlist da BBC 6Music ed è accompagnato da un video diretto da Justyna Obasi e girato in Ghana

Oumou sarà in tour con la sua band per tutta l’estate e l’autunno 2022. Tra le date confermate, oltre alle due in Italia il 23 settembre al Festival au Désert Firenze e il 24 settembre al Festival Ethnos di Napoli, Oumou Sangaré suonerà alla Queen Elizabeth Hall di Londra il 15 giugno e parteciperà al Meltdown Festival di Grace Jones e al Blue Dot Festival.

Registrato in vari luoghi (Stati Uniti, Mali e Francia) e co-prodotto da Pascal Danaë e Nicolas Quéré, ‘Timbuktu’ contiene le prime tracce inedite della cantante maliana dall’uscita dell’album acclamato dalla critica ‘Mogoya’ del 2017. Il recente singolo ‘Wassulu Don’, una gioiosa fusione tra il caratteristico suono maliano di Oumou ed elementi di blues e rock, è stato presentato in anteprima in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

La Sangaré è famosa in tutto il mondo per la sua musica vibrante e potente, che spesso contiene messaggi rivoluzionari su temi come i diritti delle donne, tradizione e povertà. Dall’uscita del suo album di debutto ‘Moussoulou’ nel 1989, la cantante maliana non ha avuto tregua. Tra le tappe più importanti del suo ricco e fruttuoso viaggio alcune delle registrazioni più importanti nella storia della musica africana contemporanea: ‘Ko Sira’ (1993), ‘Worotan’ (1996) e ‘Seya’ (2009), quest’ultimo nominato per un Grammy Award.