‘Terra’ è il titolo del nuovo singolo degli Eugenio in Via di Gioia, accompagnato da un video diretto da Niccolò Roberto Roccatelli, in cui le immagini raccontano la giornata di condivisione durante un flash mob in piazza San Carlo a Torino, dove la band ha affrontato il tema della crisi ambientale partendo dal come: tutti insieme, da una piazza, risvegliando il sentimento. ‘Terra’ “è una canzone d’amore e un’azione d’amore rivolte a ogni cuore umano, perché noi stessi siamo terra, il nostro corpo è costituito degli elementi del pianeta, dalla sua stessa aria, dalla sua stessa acqua. Distruggendo il pianeta distruggiamo anche noi stessi”.

“È passata una settimana dal momento in cui ‘Ti amo ancora’ ha cominciato a rimbalzare ovunque -racconta la band- e non ci saremmo mai potuti immaginare che il nostro messaggio d’amore alla Terra sarebbe stato così compreso e abbracciato da milioni di persone. Un canto che si alza all’unisono ha un valore inestimabile, ma c’è ancora bisogno di agire. Se ‘Natura Viva’ (il nostro ultimo album) ha visto il suo culmine quando abbiamo piantato una foresta partecipata in Trentino Alto Adige, il prossimo disco è la promessa che porteremo la Natura in città, per trasformare il grigio cemento in giungla urbana. Iniziamo dal luogo in cui viviamo, insieme alle persone più vicine. Reti di micro rivoluzioni che confluiscono nel grande cambiamento di cui tutti abbiamo bisogno. ‘Terra’ è solo l’inizio”..

“Aprile è il mese della Terra e ormai il tempo è scaduto -ricorda la band-  il rapporto tra noi esseri umani e la casa che ci ospita deve cambiare. Ora il dibattito è diventato argomento di attualità, la discussione sul come e cosa fare è politico e sociale e l’aspetto green è punto cruciale di ogni talk che si rispetti. Dovremmo ricordare che in realtà, al di là dell’urgenza del momento, da secoli mistici e scienziati avevano compreso che la strada del saccheggio della Terra, delle sue risorse, dell’acqua, del suolo, dell’aria mette in pericolo anche la sopravvivenza degli stessi essere viventi”.

 

Credit Photo: Elisa Marchina