Un vero e proprio revival degli anni ’70. Dopo alcuni rinvii dovuti alla pandemia, i Jethro Tull sono tornati in Italia e si sono esibiti a Legnano (Milano). La leggendaria band rock progressive inglese ha ripercorso le tappe fondamentali della loro lunga carriera, interrotta nel 2014 e ripresa nel 2017. Fondata nel 1967 dello scozzese Ian Anderson, la formazione ha preso il nome dell’agronomo Jethro Tull, pioniere della moderna agricoltura. Del gruppo originario degli anni ’70 rimane solo Ian Anderson accompagnato ora dal giovane chitarrista Joe Parrish, da David Goodier al basso, da John O’Hara alle tastiere e, infine, da Scott Hammond alla batteria. Il cocnerto è partito con ‘Nothing is easy’ per proseguire con ‘Love story’, ‘Thick as a brick’, ‘Living in the past’, passando poi a ‘Bourrè in E minor’. Nella seconda parte Ian Anderson  ha affrontato i ‘classici’ ‘Aqualung’ e ‘Locomotive breath’.

Credit Photo: Massimo Barbaglia