Domani, giovedì 2 dicembre, il CPM Music Institute, scuola di Alta Formazione Artistica Musicale di Milano fondata e presieduta da Franco Mussida, si esibirà live al Conservatorio Santa Cecilia di Roma (Via dei Greci, 18 – ore 19 – ingresso su invito) tra i protagonisti di ‘United. A voice for Afghan women and girls’, concerto organizzato da Unetchac (Universities Network for Childeren in Armed Conflit). L’iniziativa nasce in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici S.Pio V e il Conservatorio Statale di Musica ‘Santa Cecilia’ di Roma, promossa con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

In rappresentanza del CPM Music Institute ci sarà Paola ‘Dalai’ Micieli, diplomata CPM e del bando indetto da CPM e Unetchac in occasione della IV Conferenza Internazionale sulle Scuole Sicure tenutasi in Nigeria. Paola ‘Dalai’ Miceli presenterà dal vivo i brani ‘Silence is loud’ e ‘Lift You Up’. Con lei si esibiranno Tommaso FerrareseRoberto Gualdi alla batteria, Michele Boni al bouzouki, Vittorio Romano al basso, Antonio Cirigliano alla chitarra, Chiara De RosaGiulia LazzeriniMattia Algieri Raffaella Zago ai cori.

‘United. A voice for afghan women and girls’ è un concerto-evento di sensibilizzazione e riflessione sul dramma che attualmente affligge l’Afghanistan e, in particolare, le donne e le ragazze afghane costrette a lasciare il loro Paese.

Durante la serata diversi artisti si uniranno nella storica location del Conservatorio per infondere attraverso la musica speranza nell’unanime difesa dei diritti umani, la loro voce sarà un appello corale per la pace. Oltre la band del CPM Music Institute, si esibiranno infatti: Ambrogio Sparagna, Eugenio Bennato, Pietra Montecorvino, Grazia Di Michele, The Shalalalas e il Dipartimento Jazz del Conservatorio ‘Santa Cecilia’.  Insieme a loro, Sergio Iovino, Direttore artistico di Unetchac, presenterà il brano inedito ‘Far away yet close’/’Lontani eppure vicini’, ideato e composto da Iovino ed eseguito insieme all’artista afghano Sirat Aziz Ullah e al musicista Claudio Cappelli.  Le performance degli artisti saranno alternate dalle letture degli attori Monica Guerritore ed Edoardo Coen.

Sul palco saliranno anche alcuni degli studenti afghani che hanno seguito l’International Autumn School 2021, primo corso di formazione e approfondimento dedicato alla protezione dei bambini in conflitto armato, promossa dall’Universities Network for Children in Armed Conflict dall’Istituto di Studi Politici San Pio V con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.