L’otto volte vincitore di Grammy, musicista, autore e produttore Finneas pubblica il suo album di debutto ‘Optimist’ (Interscope Records). L’album, disponibile in tutti gli store digitali, contiene una collezione di 13 tracce scritte e prodotte interamente dall’artista tra cui i brani che hanno anticipato la pubblicazione ‘The 90s’, ‘A Concert Six Months From Now’, ‘What They’ll Say About Us’. Tra le tracce inedita spicca ‘Love is pain’, brano accompagnato da un video diretto da Sam Bennett. A proposito del brano, Finneas sottolinea quanto “sia doloroso e straziante l’amore. Volevo scrivere una canzone su una relazione adulta. Più ami qualcuno, più ha la capacità di farti spezzare il cuore”. La musica di Finneas arriva da un luogo d’amore. È il tipo di amore incarnato da instancabili maratone di sessioni in studio suonando ogni strumento, cantando, producendo e registrandosi a tutte le ore. È il tipo di amore in cui i ragazzi sono i migliori.

Mentre il mondo è andato in blocco durante il 2020, Finneas è tornato a casa a Los Angeles, il che gli ha offerto tutto il tempo per assemblare quello che sarebbe diventato l’album. “Come artista-produttore -sottolinea- non ti dai mai abbastanza tempo per lavorare sulla tua musica. Sfortunatamente, nessuno mi darà il comando e mi dirà di produrre il mio album tranne me”. Sulle storie che racconta attraverso la sua musica e il suo songwriting, Finneas spiega: “Sono sempre stato interessato alle persone e alle loro idiosincrasie. È difficile per me non concentrarmi su di loro o notarlo. Alla fine della giornata, sono solo un osservatore”. 

Finneas ha introdotto l’album con il singolo ‘A Concert Six Months From Now’, che vede la chitarra acustica scricchiolare sotto i candidi ricordi di aver acquistato i biglietti per uno spettacolo per una vecchia fiamma prima che una raffica di distorsori ti colpisca come un’onda anomala. “Nel 2017 -ricorda- avevo davvero comprato i biglietti per portare la mia ragazza a vedere i Fleet Foxes all’Hollywood Bowl. Erano passati sei mesi e pensavo fosse davvero ottimista, da parte mia, pensare che saremo ancora insieme per allora. Mi è capitato di avere ragione però. Con tutto il pessimismo e la negatività del 2020, ero piuttosto preoccupato, ma ho comunque deciso di essere positivo. Anche se le cose non avessero funzionato -conclude- mi sarei pentito di non aver provato tanto quanto avrei potuto”.

Tra i brani più interessanti dell’album ‘The 90s’, il sincero sguardo di Finneas a un decennio in cui le cose sembravano più semplici, un mondo senza Internet e smartphone e il desiderio di tornare a quei tempi. In ‘The Kids Are All Dying’, pianoforte e battiti di mani sanguinano in una scarica di energia mentre canta “Come puoi cantare d’amore quando i ragazzi stanno morendo tutti?”. “Anche se stiamo vivendo un momento di caos e incertezza, l’esperienza umana non escluderà mai l’amore, il sesso, il divertimento, il tempo libero e l’avventura”, afferma. “Se sei innamorato, scriverai una canzone d’amore. È così che funziona il cervello”.

Dall’altra parte dello spettro musicale del disco,’How It Ends’ cavalca una linea di basso funky e applaude verso un ritornello soul. Nel frattempo, ‘Only A Lifetime’ esamina tutto attraverso una lente diversa. “Molte persone stavano camminando per le loro case, pregando che il lockdown venisse revocato e aspettando il vaccino. Ho avuto un’improvvisa visione -sottolinea- potrei davvero perdere questo momento di calma che ho avuto con la mia famiglia e la mia ragazza. Stavo cercando di ricordare a me stesso di rimanere presente e di rimanere impegnato, qualunque cosa stesse succedendo”. 

Questa la tracklist completa:

  1. A Concert Six Months From Now
  2. The Kids Are All Dying
  3. Happy Now
  4. Only A Lifetime
  5. The 90s
  6. Love Is Pain
  7. Peaches Etude
  8. Hurt Locker
  9. Medieval
  10. Someone Else’s Star
  11. Around My Neck
  12. What They’ll Say About Us
  13. How It Ends

Parlando di come Finneas si aspetta che venga accolto il disco: “La mia speranza è che un ragazzo da qualche parte lo metta e forse pensi: ‘Questo è esattamente come mi sento in questo momento’. Questo è quello che cerco dalla mia musica preferita. Personalmente, più imparo, meno so. Quindi, mi sento davvero fortunato in questo momento… e ottimista per il futuro”.

Dopo aver partecipato ad una serie di festival, che includevano Bottle Rock, i Heart Radio Music Festival e Austin City Limits, Finneas si imbarcherà in un tour nordamericano che prenderà il via il 25 ottobre da San Diego. Il tour di 15 città lo vedrà fare tappa a Los Angeles, San Francisco, Portland, Seattle, Salt Lake City, Denver, Chicago, Atene, OH, Filadelfia, Washington, DC, New York, Boston e Montreal prima di concludersi a Toronto il 21 novembre. Per ulteriori informazioni e per acquistare i biglietti, visitare il sito www.finneasofficial.com.

Queste le date del tour nord americano:

10/25 – The Observatory North Park – San Diego, CA

10/27 – The Wiltern – Los Angeles, CA

10/28 – The Wiltern – Los Angeles, CA (aggiunta)

11/01 – The Fillmore – San Francisco, CA

11/03 – Crystal Ballroom – Portland, OR

11/04 – Showbox SoDo – Seattle, WA

11/06 – The Depot – Salt Lake City, UT

11/08 – Summit – Denver, CO

11/10 – Vic Theatre – Chicago, IL

11/12 – Ohio University – Athens, OH

11/13 – Theatre of The Living Arts – Philadelphia, PA

11/14 – 9:30 Club – Washington, DC (aggiunta)

11/14 – 9:30 Club – Washington, DC

11/16 – Irving Plaza – New York, NY

11/17 – Irving Plaza – New York, NY (aggiunta)

11/18 – House of Blues – Boston, MA

11/20 – Théâtre Corona – Montreal, QC

11/21 – The Danforth Music Hall – Toronto, ON