I giorni si protraggono
I grandi amori crollano
Gli zii ed i nonni muoiono e salutano via chat
I conti non ritornano
I figli si nascondono
Mio padre si dimentica di essere stato giovane
I cantautori cantano
Canzoni tristi dal balcone
Intanto invecchiano i lavoratori autonomi
Bestemmiano davanti all’INPS
Mamma, ti prometto che mi laureo
E mi trovo un posto fisso
Proprio accanto al crocifisso
Però penso sempre a te
I sogni non si avverano
I preti non perdonano
I bimbi si rivendono l’infanzia su Tik Tok
I farmacisti pregano
I medici si lavano le mani e poi si curano un pugno nello stomaco
I muratori eseguono
Gli imprenditori prendono le precauzioni
E rassicurano i giornali che
Stavolta il ponte durerà
Mamma, ti prometto che mi laureo
E mi trovo un posto fisso
Proprio accanto al crocifisso
Però penso sempre a te
E mi devi perdonare
Se non riesco a somigliare
Al figlio dell’ingegnere
Se ti faccio sempre male
Se ti faccio sempre male
E ti faccio sempre male
E ti faccio sempre male
Eh-eh, eh-eh-eh, eh
Eh, eh, eh, eh, eh, eh
Ma i cantautori cantano
I preti si innamorano
Gli amanti si riabbracciano
E giurano di crescere
Mamma, ti prometto che mi laureo
E mi trovo un posto fisso
Proprio accanto al crocifisso
Che mi cerco un matrimonio
Che rinuncerò al demonio
E che penso sempre a te
Eh-eh, eh-eh-eh, eh
Eh-eh, eh-eh-eh, eh
Eh-eh, eh-eh-eh, eh