E’ in rotazione radiofonica ‘Fantasia nella fattoria’ (Not Just Music), ultimo brano di LeiKiè che con la sua satira al femminile racconta in tutte le lingue la globalizzazione e la diversità come unicità. E’ solo un’artista poliglotta, o questo è il nuovo metodo per giungere a tutti senza escludere nessuno? LeiKie’ bussa con la sua musica e canta in diverse lingue alle porte che si aprono oltre frontiera. Un nuovo ‘porta a porta’ che porta sorrisi con contenuto.

Una nuova modalità per imparare le lingue facilmente? ‘Fantasia nella fattoria’ è uscito anche in versione inglese ‘It’s My Little Farm’ e in versione spagnola ‘Mi Granja es Fantasia’. A breve è prevista l’uscita della versione russa e non solo. Tra le note e il ritmo di una musica caraibica, LeiKiè canta in diverse lingue, con sottile ironia, la storia di una fattoria dove non esistono confini per l’amore. I simpatici animaletti si uniscono al di là delle loro diversità, ed è anzi proprio nella diversità che nascono nuove specie: questo il messaggio racchiuso nel brano ‘Fantasia nella fattoria’. Attraverso questo ironico approccio musicale, Leikiè lancia un chiaro invito a non aver paura del diverso, perché il diverso non è una minaccia, anzi è una risorsa.

“Una canzoncina apparentemente per bambini -spiega l’artista- ma che diverte anche gli adulti e può far riflettere. In un mondo dove tutto è omologato e stereotipato, questa canzone nelle sue diverse versioni è un invito a ‘rompere gli schemi’, proprio perché la non omogeneità è creatività e, proprio da questa, nasce il nuovo e il bello”.

Il videoclip ufficiale di ‘Fantasia nella fattoria’, diretto dalla stessa LeiKiè, include una sequenza di immagini su green screen con una nonnina sprint e il suo nipotino baby-birba, entrambi interpretati dall’autrice. Insieme a loro appaiono i veri protagonisti del video e del brano: numerosi animali disegnati con cura, stile e originalità e animati in 2D.