E’ in rotazione radiofonica e disponibile in digitale ‘Oltre le differenze’ (Star.M srl/Believe Digital), il nuovo singolo di Ossido Master (all’anagrafe Salvatore Spampinato) con il featuring di Busta Rhymes e Sensei prodotto da Agosta & Mitch Dj. 

Per la prima volta due rapper italiani, Ossido Master, catanese trapiantato a Cambridge già conosciuto all’estero per il duetto con Bizarre dei D12 e Sensei il rapper più veloce d’Italia che ha rappresentato la nostra nazione nella challenge #Godzilla creata da Eminem, collaborano con una delle leggende della scena hip hop mondiale, Busta Rhymes.

Il brano rap strizza l’occhio alla nuova wave della trap, grazie alle sonorità studiate e realizzate da Paolo Agosta in co-produzione artistica con Mitch Dj, usufruendo di strumenti reali e virtuali, ispirandosi ai Led Zeppelin.

Ho avuto l’opportunità di poter collaborare con uno degli artisti che più apprezzo della cultura Hip Hop -commenta Ossido Master- e mi sento privilegiato. Ho deciso di proporlo a Sensei, perché credo che il rap sia anche fratellanza e tralasciando la sua parte artistica, credo sia una persona umile ed ho trovato in lui la mia stessa voglia di fare. Vogliamo entrambi comunicare qualcosa di positivo, solo che stavolta abbiamo il supporto di uno dei pilastri mondiali della musica hip hop”.

Sensei, da parte sua invece ha “scelto di interpretare questa canzone con una strofa super veloce e piena d’incastri nelle rime, perchè per fare un duetto con un artista del calibro di Busta Rhymes, penso che sia importante usare il massimo delle proprie capacità artistiche”. 

Il brano è accompagnato da un lyrics video prodotto durante l’emergenza mondiale Covid-19 ed è stato ideato a Cambridge, da Donato Ribaudo, videomaker e graphic designer catanese. “L’intento principale del video -spiega- è quello di far intraprendere una sorta di viaggio temporale che colleghi diverse generazioni musicali, dalla storia del rap come Busta Rhymes a nuovi artisti emergenti quali Ossido e Sensei, permettendo allo stesso tempo di trascinare chi lo guarda in un turbine di colori e luci, come solo la musica riesce a fare”.