‘(dis)amore’ (Ala Bianca Records) è il nuovo lavoro dei Perturbazione, l’ottavo disco di studio, un concept album di 23 canzoni sulle piattaforme digitali, in cd e vinile. 

“Finalmente ‘(dis)amore’ c’è -raccontano i Perturbazione- doveva uscire a marzo, ma così non è stato. Doveva uscire ad aprile, stessa cosa. Il mondo attorno a noi e quanto accaduto ha distrutto ogni altro pensiero. Ma il disco c’era da tempo, il disco c’è. Fra le varie cose parla di una vita di coppia consumata in un interno. L’ironia della sorte. Appena abbiamo avuto la possibilità di metterlo ‘in circolo’ abbiamo così deciso di farlo uscire, d’accordo con Ala Bianca. Complice poi -proseguono- l’invito ricevuto da Salone del Libro di Torino Extra di suonarne un estratto dal vivo, benché in streaming. A quel punto rimandare a data da destinarsi non avrebbe avuto nessun senso: ‘(dis)amore’ parla di noi, di quello che saremo e di quello che siamo stati, certo. Ma anche di quello che siamo oggi”.

Scritto, arrangiato e suonato dai Perturbazione, ‘(dis)amore’ è un album che parte, si sviluppa e si conclude attraverso il racconto di una storia. Una storia d’amore e di disamore tra due persone che possono avere qualunque età, possono vivere e muoversi ovunque. Due persone che si conoscono, diventano intime, s’innamorano e che stabiliscono una relazione affettiva fortissima. Il tempo passa e la relazione, complici le mille distrazioni dentro e fuori il mondo attorno, cambia pelle e porta i due ad allontanarsi sempre più. A non riconoscersi. 

Questa la tracklist del disco:

01. le spalle nell’abbraccio

02. le regole dell’attrazione

03. ti stavo lontano

04. mostrami una donna

05. la nuda proprietà

06. regime alimentare

07. le sigarette dopo il sesso

08. il ragù

09. chi conosci davvero

10. il paradiso degli amanti

11. non farlo

12. silenzio

13. taxi taxi

14. l’inesorabile

15. lasciarsi a metà

16. conta su di me

17. le nostre canzoni

18. come i ladri

19. la sindrome del criceto

20. temporaneamente

21. dieci fazzolettini

22. io mi domando se eravamo noi

23. le assenze