Sabato 7 settembre sarà inaugurato a Fiumicino il primo ‘Museo del Saxofono’, unico del suo genere dedicato a questo strumento e nato dall’amore, dall’esperienza e dalla raccolta compiuta in oltre 30 anni di attività dal musicista e docente Attilio Berni. Il Museo ospiterà una collezione di centinaia di preziosi esemplari: dal piccolissimo soprillo di 32 cm al gigantesco contrabassodi 2 mt, dal Grafton Plastic agli strumenti dell’inventore Adolphe Sax, dal mitico Conn O-Sax al Selmer CMelody di Rudy Wiedoeft, dal Jazzophone, tromba-sax con doppia campana, ai grandiosi Conn Artist De Luxe,  dai sax a coulisse ai saxorusofoni Bottali, dai tenori Selmer appartenuti a Sonny Rollins e Tex Beneke all’Ophicleide, dal mastodontico sub-contrabasso J’Elle Stainer, il sax più grande del mondo vincitore del Guiness World Records di proprietà di Gilberto Lopes, ai sax-giocattoli

L’esposizione offre l’occasione per districarsi nelle innumerevoli metamorfosi del saxofono e l’incontro diretto con i grandi capolavori delle fabbriche Conn, Selmer, King, Buescher, Martin, Buffet Crampon, Rampone, Borgani, Couesnon,  tra arte ed artigianalità, creatività e tradizione che dalla bottega dell’inventore Adolphe Sax giunge fino ad oggi: questo, e molto altro ancora, in un autentico spazio della cultura musicale “saxy” che ospiterà anche spazi espositivi e ristorativi, visite guidate, audizioni con gli strumenti dei grandi musicisti del passato, corsi di musica, masterclass, conferenze, rassegne, installazioni multimedialie, naturalmente, molti concerti.

Alle 18 si darà il via ad una vera festa, con ingresso libero, nei nuovissimi spazi di Maccarese, quando, dopo la performance di apertura della banda comunale, si succederanno sul palco il duo guidato dall’astro nascente del sax classico Jacopo Taddei (ore 19:00) e l’Hammond Trio di Rosario Giuliani (ore 21:00) alternandosi con incursioni musicali Dixieland della street band di Pier Carlo Salvia.