Emmanuel Schvili e l’arte della camiceria in mostra ad Art City Bologna

Last Updated: 4 Febbraio 2024By Tags: ,

Arte

Emmanuel Schvili e l’arte della camiceria in mostra ad Art City Bologna. ‘Una camicia In-solita, Emmanuel Schvili, storia di un brand‘, a cura di Emmanuel e Giorgia Schvili, si svolgerà nell’ambito di Art City Bologna 2024 in occasione di Artefiera, con il patrocinio del Quartiere Santo Stefano. Un percorso, con materiale d’archivio eterogeneo, lungo la storia del marchio bolognese che è stato un punto di riferimento del made in Italy, dalla sua prima collezione nel 1970 all’apice raggiunto negli anni ’90, in particolare con il successo delle camicie cartoon, ideate con le prime licenze ufficiali concesse da Warner Bros. e Disney Italia.

Nato nel 1969 dalla intraprendente e vincente idea dell’omonimo imprenditore e di sua moglie Giorgia, sfila a Milano nel 1970 al Circolo della stampa con la prima collezione donna di immediato successo, ma già dall’anno successivo si specializza nella camiceria.

Prima sfilata 1970 Milano ©Emmanuel Schvili

Negli anni Novanta arriva alla definitiva consacrazione grazie all’idea sfiziosa, colorata e spensierata delle camicie cartoon, ricamate con i più amati personaggi dei cartoni animati, (e ampliando poi la produzione con ulteriori linee donna, uomo, bambine e bambini, baby e con ironiche collezioni home) in licenza prima con la Warner Bros. poi con la Disney Italia, vincendo addirittura nel 1995 il mitico Topolino d’oro, grazie alla collezione ‘Vestirsi per divertirsi’, che ha riscosso un’incredibile risposta dal pubblico, letteralmente conquistato da prodotti di lusso caratterizzati da qualità, valorizzazione dell’heritage e da un pizzico di brillante divertimento.

In breve tempo sono stati aperti ben venti negozi in Europa, raggiungendo un pubblico internazionale sempre più consistente, ma rimanendo fedele ad alcuni valori imprescindibili, come il fatto di  essere stato tra i primi a passare dall’artigianato all’industria senza perdere d’occhio la qualità tipica del Made in Italy e mantenendo costante una particolare attenzione ai tessuti e a pregiate tecniche tradizionali e anche pionieristiche di ricamo.

Linea home archive ©Emmanuel Schvili

In esposizione un ricco e vario materiale, con molti pezzi inediti mai presentati in precedenza, imperdibile per gli specialisti del settore, ma anche per appassionati, estimatori o semplici curiosi: ogni angolo dell’allestimento della Sala Museale Possati è dedicato ad una tematica caratteristica del brand, ma significativa anche per la storia della moda italiana in decenni considerati “d’oro” perché di massimo sviluppo, di affermazione e successo a livello globale.

©Emmanuel Schvili ss17

La rassegna, curata con minuzia dai due fondatori del brand, si sviluppa attraverso un percorso espositivo che comprende e presenta angoli tematici: l’angolo della customizzazione, l’angolo delle collaborazioni (che hanno anticipato il concept delle co-lab e capsule collection, oggi vero e proprio fenomeno di tendenza) ad esempio con famosissimi brand quali K-Way e Superga, l’angolo delle promozioni (con originali gadget realizzati ad hoc per alcuni eventi speciali di grandissimo successo, come Vip Master e Baby nel cuore), ma anche fotografie delle sfilate e delle campagne pubblicitarie– a partire dagli esordi negli anni ’70 fino alle ultime del 2009- video, moodboard, rassegna stampa, cartelli vetrine, mirabilia, cataloghi, total look, accessori (foulard, borse e profumi), disegni originali, con alcuni pezzi che provengono dal Fondo Emmanuel Schvili, custodito nell’archivio della Fondazione Fashion Research Italy a Bologna.