Esce oggi, ‘Magra’ il nuovo singolo della cantautrice italo-cubana Camilla (all’anagrafe Camilla Conte), registrato presso lo studio milanese MobSound di Alessandro Caneva, in collaborazione con l’etichetta milanese Senape Dischi fondata e gestita dal produttore Sveno Fagotto.

‘Magra’ è una canzone che chiede a gran voce di essere compresa, un viaggio del quale si può godere e soffrire nella sua totalità solo immedesimandosi a pieno nei panni della protagonista: ciò che emerge è l’eterno conflitto tra chi vorrebbe prendere la vita di petto, apparire invincibile e senza paure, ma si ritrova puntualmente a scontrarsi con le proprie insicurezze. Il brano non è però il frutto di una relazione o di una delusione sentimentale, bensì una dedica d’amore e odio rivolta a Milano: una città in continuo movimento, una fitta nube che si espande a macchia d’olio e che con la sua travolgente velocità ti sovrasta giorno e notte. L’interrogativo che sorge dunque spontaneo, se ci si immerge tra le righe di questa canzone, non può che essere l’eterno dubbio che almeno per qualche istante ha afflitto tutti noi: se solo fossimo diversi, mentalmente e fisicamente, le persone ci apprezzerebbero di più? O forse no?

“Vorrei restare impressa come Camilla, quella vera, senza paure e peli sulla lingua, forte e invincibile, ma questa città -sottolinea l’artista- mi ha dato delle debolezze che ormai fanno parte di me e di ognuno di noi e che, allo stesso tempo, ci rendono unici. Magra è una canzone di sfida a me stessa, vorrei sapere già da subito se riuscirò a vincere contro la mia città o se invece verrò travolta da quest’onda metropolitana”.