(di Daniele Rossignoli) “Sono pronto: per me è una grande opportunità per farmi conoscere. Poi, sarà quel che sarà ma sono comunque molto orgoglioso di poter far parte di un cast di artisti di altissimo livello”. Il giovane Matteo Romano si presenta così, alla viglia del suo debutto sanremese, per nulla intimorito, nonostante la sua giovane età, dal confronto con veri e propri ‘mostri sacri’ della musica italiana. Diciannove anni, di Cuneo, Matteo Romano si è aggiudicato un posto per il Festival di Sanremo dopo aver superato le selezioni di Sanremo Giovani assieme a Yuman e Tanani.

“Sapevo che, sulla carta, una volta entrato tra i dodici finalisti di Sanremo Giovani ero tra i favoriti -spiega- ma quando ho visto che hanno chiamato Tananai e Yuman non ci speravo più. Pensavo che i giochi erano ormai fatti. Quando invece mi hanno chiamato ero soconvolto ma significava che avevano visto qualcosa in me”. Il Festival di Sanremo, osserva Matteo “è una grandissima opportunità per me e arriva al momento giusto. Sono anche del parere -prosegue- che se le cose succedono è perchè devono succedere, se sono a Sanremo significa che dovevo esserci. Mettermi a confronto, alla mia età, con artisti del calibro di Emma, Elisa, Massimo Ranieri e Iva Zanicchi mi stimola moltissimo”.

Sul palco dell’Ariston Matteo Romano porterà il brano ‘Virale’ che porta la firmato anche da Dardust. “E’ un pezzo che mi fa stare tranquillo -spiega- perchè è un brano che mi convince al cento per cento e che mi rappresenta. Ha in sè la mia intimità e il mio modo di scrivere, molto personale ma, allo stesso tempo, con delle influenze che vengono dal produttore che è Dardust. Il brano è molto potente e unisce un tipo di scrittura giovane, dove parlo del mio mondo, della generazione Z, dell’amore tra giovani che può anche essere universale. Ho solo il timore -confessa- che per il fatto che io venga da TikTok possa essere giudicato come un qualcosa di frivolo mentre frivolo non è. E’ una metafora del mondo dei social -spiega- perchè ritengo sia la cosa più coerente con la quale potevo descrivere l’amore. Un amore talmente forte, talmente totalizzante, come una canzone che entra in testa e non ne esce più. In questo senso, spero si colga il messaggio del brano che è tutt’altro che banale”.

Nella serata deidicata alle cover, venerdì 4 febbraio, Matteo Romano, accompagnato da Malika Ayane, proporrà una sua rivisitazione particolare di ‘Your Song’, uno dei brani di maggior successo di Elton John, pubblicato nel lontano 1970. “E’ uno dei brani più belli, una delle ballate d’amore più evocative. Sicuramente -sottolinea il giovane artista- il mondo di Elton John è un po’ quello a cui io mi ispiro e spero di omaggiarlo con questa mia interpretazipone. Lo eseguirò in una chiave personale -spiega-  pur restando fedele all’originale. Avevo il desiderio di fare un brano internazionale perchè sono sempre stato interessato alle lingue e in particolare inglese. In apertura del brano ci sarà la mia intimità, sarà piano e voce con dei giochi vocali. Quanto a Malika -osserva- le nostre voci si sposano perfettamente”. Sarà il Maestro Valeriano Chiaravalle a dirigere l’orchestra sia durante la gara che durante la serata di venerdì 4 febbraio dedicata alle cover.

Da parte sua Malika Ayane si dichiara “contenta di accompagnare Matteo sul palco di Sanremo e in particolare di avere la generazione zeta che conta su di me. Matteo è un ragazzo in gamba -osserva- ma ciò non significa né che sia di randa giovane né che sia la rivoluzione. Forse la rivoluzione sta nel fatto di essere competente, studioso e impegnato in tutto quello che fa, dall’uso della voce allo studio del testo della lingua inglese, a come si muove sul palco e a come si guarda attorno e dentro di sé. Il fatto che ci sia un ritorno alla voglia di essere competenti è più rivoluzionario rispetto a qualcosa di eclatante ma disordinato. Matteo in questo senso è bravo, bello, educato, gentile -conclude- e si impegna molto”.

A partire dal 25 febbraio ‘Virale’ sarà disponibile in tutti i negozi tradizionali in formato 7 pollici. Mentre il lato A conterrà il brano sanremese, il lato B vedrà ‘Testa o croce’, il brano che ha regalato a Matteo la vittoria di Sanremo Giovani.