Io che di colpe ne ho

ho dato per scontato il mare

ho torturato i grilli

e per dimenticare

ho messo ad essiccare qualche sentimento, ma

ma che colpa ne ho?

se mi hanno messo il pane in bocca,

mi hanno detto “cresci”

poi mi hanno insegnato qualche filastrocca

che non basta mai per capire il mondo

ed io mi presentai che avevo scritto un pezzo

il primo verso era “Non sono pronto”

e dal secondo in poi potevo stare zitto

non capivo niente, però quello sempre,

non capivo niente, però questo sì

che non sono pronto ancora a questo mondo

che va ad un ritmo folle come i colibrì e

dentro questo schermo ammazza-tempo

mi annego

mi chiudo

e fuggo

Fuggo da un dolore assurdo

è un dolore assurdo

il dolore assurdo perché esiste

solo per questo il dolore è assurdo

il dolore assurdo

il dolore è assurdo perché esiste

solo per questo

Io, ma che colpa ne ho?

se c’ho la sabbia dentro il cuore

e sono più veloce di quel tuo rancore che ti tiene al mondo

ma che c’entro io?

Io sono un altro da me

e corro sotto l’acquazzone

sempre più veloce

finché non ricordo la destinazione

non capisco niente, però quello sempre

non capisco niente, però questo sì

mi fa schifo tutto,

ma se viene il sole poi per un secondo non sarà così non mi serve altro

che un secondo di sole

per pentirmi di tutto

per dire al chirurgo: “si fermi subito, io

lo voglio ancora il cuore”

non mi serve altro

che un secondo di sole

per rendermi conto che non sono morto e al di là di tutto

Inseguo questo amore assurdo

è un amore assurdo

è un amore assurdo perché esiste

solo per questo è l’amore assurdo

l’amore assurdo

un amore assurdo perché esiste

Inseguo questo amore assurdo

Inseguo questo amore assurdo

Inseguo questo amore assurdo

è assurdo