“È un momento bellissimo per il nostro paese in molti ambiti, tra cui quello musicale”. Così Noemi è intervenuta questa mattina alla Farnesina all’apertura degli Stati Generali della Lingua e Creatività Italiane nel Mondo alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Gli Stati generali della Lingua e Cretività Italiane nel Mondo sono il principale appuntamento istituzionale dedicato alla diffusione della nostra lingua e alla definizione delle strategie per la sua valorizzazione a livello internazionale organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale a cadenza biennale.

“Penso -ha proseguito Noemi- che questo debba essere un incentivo a proiettarci verso il futuro; un futuro di pluralità e inclusività, non solo in campo artistico e creativo, ma in tutti i settori e in tutte le problematiche di ogni giorno: quando si parla di diritti, quando si parla di sostegno ai giovani, di riduzione delle disuguaglianze, di parità di genere. I successi si ottengono con la passione, il lavoro e la dedizione. Non ci sono e non devono esistere scorciatoie”.

All’apertura degli Stati Generali sono intervenuti oltre al  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Segretario Generale della Farnesina, Ambasciatore Ettore Francesco Sequi e il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio, seguiti dal Ministro della Cultura Dario Franceschini, dalla Ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, dalla Sottosegretaria di Stato al Ministero dell’Istruzione Barbara Floridia.

Quest’anno gli Stati Generali saranno dedicati al tema ‘L’Italiano di domani’, con un focus sui rapporti tra creatività e innovazione e, in questa occasione, Noemi ha presentato anche un progetto all’interno della programmazione italiana di Expo Dubai 2020 in collaborazione con la Farnesina e al Commissariato italiano – Italia Expo Dubai: un concerto che si terrà il 21 dicembre e che vedrà protagonista l’artista e i finalisti di Sanremo Giovani 2021, e che sarà trasmesso anche da Radio Italia.

Credit Photo: Attilio Cusani