Parte da Taranto la presentazione del nuovo disco intitolato ‘World Expansion’, realizzato dal trio World Expansion alias Lomagistro-Partipilo-Giachino. Spazioporto, spazio di co-working culturale di Taranto (Via Foca Niceforo, 28), sarà lo scenario del primo concerto di presentazione del nuovo album del trio World Expansionalias formato da Francesco Lomagistro (batteria), Gaetano Partipilo (sax alto ed elettronica) e Fabio Giachino (piano, synth ed elettronica), in programma domenica 21 novembre alle 21,30. Per assistere al concerto è previsto un biglietto d’ingresso di 5 euro (obbligatorio il green pass).

L’album è pubblicato dall’etichetta Prima o Poi della cantante Petra Magoni, ospite nel brano ‘Two O’ Clock and Everything is Ok’, del quale è anche autrice del testo ed è stato anticipato dal singolo ‘Free’ (con Marco Schnabl guest alla chitarra) in promozione radiofonica e su tutti i digital stores. La tracklist del CD è costituita da otto brani in cui stilemi quali il contemporary jazz e il progressive jazz entrano in simbiosi. Inoltre, un altro elemento caratterizzante è rappresentato da un uso dell’elettronica, che arricchisce ulteriormente il sound del disco.

Francesco Lomagistro, batterista e ideatore del World Expansion, lo descrive così: “Per intraprendere questo nuovo viaggio ho voluto coinvolgere Gaetano Partipilo e Fabio Giachino, due musicisti eclettici e aperti all’esplorazione, oltre a essere due eccellenti solisti. Non saprei come connotare esattamente il disco dal punto di vista stilistico, anche perché ogni ascoltatore, come spesso avviene, fornisce una sua chiave di lettura in base ai suoi ascolti e ai suoi gusti musicali. Sicuramente il sound dell’album è concepito per ‘un mondo in espansione’, motivo per cui è nato così il titolo del CD e del progetto. Dopo le passate esperienze da leader di progetti come i Berardi Jazz Connectione i T-Riot -sottolinea Lomagistro- sono entusiasta per la nascita di questa nuova band. Quindi, insieme a Gaetano e Fabio, speriamo che la nostra musica possa arrivare non solo ai jazzofili, ma soprattutto al pubblico delle nuove generazioni”.

Credit Photo: Umberto Lopez