‘Siamo veramente liberi?’ è il nuovo singolo del cantautore romano Alessandro Zavatti, una domanda intimista espressa con un flusso di parole su una cadenza rock. “Questa canzone -spiega l’artista- è nata in un periodo in cui tra la pressione degli esami all’università e la rottura con il mio primo gruppo, avevo smesso di fare musica. Non sapevo se avrei continuato a scrivere canzoni. Poi una sera sono andato a sentire in un locale della periferia romana il concerto di un amico, ed è stata come una scintilla che mi ha fatto risvegliare”.

‘Siamo veramente liberi?’ è una sorta di domanda universale, un interrogativo scomodo a cui è difficile dare risposta. Si parla di libertà di scelta, di pressioni, di influenze esterne, espresse con voce cadenzata su un arrangiamento rock. Più che alla società il giovane cantautore rivolge la domanda a sé stesso, arricchendola quindi di un taglio intimista in cui la musica diventa terapia.

Alessandro Zavatti è un cantautore romano classe ’97. Studia dapprima chitarra classica ed elettrica con il musicista Paolo Petrucci, poi si approccia allo studio del canto presso l’Accademia Romana di Musica e con Ilaria Piccin. Nell’ottobre 2014 è frontman dei The Wave e con loro si esibisce su vari palcoscenici romani. Ad inizio 2017 registra con la sua band il primo lavoro in studio, l’Ep ‘Le Ali Per Volare’ e partecipano al concorso ‘Emergenza Festival’ arrivando alla fase finale disputata al Palatlantico di Roma nella categoria Band. Nel 2018 decide di iniziare un nuovo progetto solista e nel giugno 2019 pubblica in digitale il suo primo singolo ‘Migliore Di Così’, seguito da ‘Il teatro dell’assurdo’. Nel Febbraio 2020 esce ‘Pace’.