Bede, giovane rapper, fenomeno social tra i giovanissimi, torna a raccontarsi in ‘Vista Mare’ (Telegraph Road Studio), il suo nuovo singolo. La ricerca della libertà, supportata dall’urgenza espressiva di dare sfogo alla condizione in cui si ritrovano molti adolescenti, è stata la chiave che ha portato alla stesura del brano, un monito in musica e barre che descrive la sensazione di oppressione causata dalla società dell’apparire, che continua ad anteporre l’estetica, l’individualismo e l’egocentrismo, all’essenza collettiva ed al bene comune.

Gli incastri di Bede trovano la combinazione visivo-sonora attraverso il videoclip ufficiale, diretto da Sebastian Morabito e presentato in anteprima nazionale sul MEI, e la produzione, fresca e minimalista, curata dal producer Giuseppe Cirino, che lasciano spazio ad un testo nato con l’intento di far riflettere, di riportare in primo piano l’autodeterminazione, senza il bisogno di competere con gli altri.

Attraverso un parallelismo tra musica e vita, ‘Vista Mare’ ricorda che quando “termina un periodo ne inizia uno più bello” e che “quando la strofa finisce inizia il ritornello”.