Sguardi rossi ma non è l’inferno
Parole in testa simulano un tarlo
Cade la neve e il suo silenzio
Sussurra che non devi più rifarlo
Mentre il sogno prende il sopravvento
Ricordi ti rubano lo spazio
Bruciano la gola come assenzio
Ma ora il messaggio ti è più chiaro
Ti svegli preoccupata sai che non è presto
La sigaretta brucia con il suo segreto
Ti chiedi se farai ancora in tempo
Scendono le lacrime sul mento (sul lento)
Scappi da casa e non chiudi la porta
Lasci giù le chiavi ma l’hai fatto apposta
Vuoi solo salire sopra un treno
Con te far sparire questo inverno
Te ne vuoi andare
In un luogo diverso
Dal profumo intenso
Che ti vuole ascoltare
Forse un poco amare
Te ne vuoi andare
In un luogo diverso
Dal profumo intenso
Che ti vuole ascoltare
Ti sei data da fare
La fortuna non la aspetti più
Coriandoli e cicatrici
Sono impresse nel tuo corpo
Non sapevi ancora andare in bici
Ma già sapevi cosa fosse un torto
Volevi solo essere felice come una bambina
Ma tu non sei diversa, non ti sei solo persa
Hai capito non è tua la colpa
Il pavimento si asciuga mentre togli il veleno
A volte preferivi far la finta tonta
Mai c’è stato un momento in cui valevi meno
lasci indietro ciò che ti è passato
Spezzi le catene che ti hanno legato
Non guardi più al futuro con un occhio bendato
Perché
Come un salice che incontra il vento
si scopre per un momento
Con le sue foglie che ballano nel tempo
Tu lo sai quello che vuoi