Sara cammina con un grammo nella borsa
Le calze a rete strappate, il freddo alle ginocchia
E non ricorda, non ricorda quand’era l’ultima volta
L’ultima volta che un uomo l’ha fatta sentire sicura,
E non uno stronzo sposato che la usa
Prima tradisce la moglie poi l’abbandona,
In lacrime a piangere sola
Non ricorda che era brava a scuola
E le parole del suo professore di storia
“Puoi fare qualunque cosa!”
Ma ti sei fatta di qualunque cosa
Pur di non tornare a casa
Da un padre che picchiava e urlava: “te e tua madre puttana”
Pensa te la vita che strana
Ora lui passa su una macchina in strada
Non cercava sua figlia
L’ha trovata
Sara lo sa
L’orizzonte va al di là,
Dei suoi problemi, dei suoi pensieri
Sara lo sa e se ne frega
Cercherà un’altra casa e un’altra vita anche stasera
Sara è senza soldi in tasca
Dentro è stupenda, il bruco e la farfalla
Scenderà l’inverno e nessuno che l’abbraccia
Tranne la sua felpa così calda
Lei scrive poesie nel silenzio di una stanza
Come graffiti su una chiesa, tanto Dio non guarda
A un tratto chiude gli occhi e il trucco scorre sulla faccia
Il fiume nero inquina il mare bianco di una guancia
Sara ha avuto così poco che
Non sa nemmeno cosa manca
E cerca una risposta
Senza sapere la domanda
Sara lo sa
L’orizzonte va al di là,
Dei suoi problemi, dei suoi pensieri
Sara lo sa e se ne frega
Cercherà un’altra casa e un’altra vita anche stasera
Oh oh oh
Con gli occhi spenti di chi è persa
La pelle bianca come neve fresca
In bocca l’ultima sua sigaretta
Sorride e cela la tristezza
E resta sveglia anche stasera
Con gli occhi spenti di chi è persa
La pelle bianca come neve fresca
In bocca l’ultima sua sigaretta
Sorride e cela la tristezza
E resta sveglia anche stasera
Sara lo sa, l’orizzonte va al di là
Dei suoi problemi
Dei suoi pensieri