(di Maria Elena Zannini) Torna a esibirsi sul palco dell’Ariston Achille Lauro. Sulle note di ‘Me ne frego’ e ‘Rolls Royce’ mette in scena il quarto quadro, accompagnato dal fedele chitarrista Boss Doms. Stavolta un inno rivolto al punk rock, “icona della scorrettezza, purezza dell’anticonformismo”.  Avvolto in un costume di vaporose piume bianche e insieme a una versione decisamente stravagante di Fiorello, anch’esso travestito in un look total black con corona di spine, si scatena sul palco cantando i suoi successi.