‘Il capitale della mia poesia’ di Diego Nicolosi è anche un video per la regia dello stesso cantautore e riprese di Dan Persoglio. “Il video -spiega lo stesso Nicolosi- è ancora un’integrazione al messaggio che il brano prova a formulare, intendere il valore dello sforzo e della bellezza di non restare imbrigliati all’interno dell’impalcatura mediatica, di non farsi vittima dei suoi innumerevoli personaggi e di ciò che ogni istituto, ogni apparato, ogni sistema, grande e piccolo, desiderano rappresentare come il sogno di tutti. Occorre invece, per dare un contributo alla civiltà, lasciare il posto all’arte e alla cultura di ciascuno, a ciò che si struttura man mano, in modo particolare, vivendo”.

Un lungo percorso di analisi quello del cantautore e poeta di origini siciliane Diego Nicolosi, dove lo stesso artista segue le tracce del vivere secondo necessità, cercando di eludere lo spettro di apparati istituzionali e di leggi stabilite dalle multinazionali, atte a rimuovere i sogni per dar vita a protagonismi, competizioni, appartenenze.

Il progetto, nato con il supporto di un crowdfunding, è stato realizzato in collaborazione con il Maestro Clemente Ferrari e masterizzato nello studio Energy Master di Milano.