‘Lolita’ è il nuovo singolo di Voodoo Kid per Carosello Records. Il brano chiude il cerchio inaugurato con ‘amor, requiem’, il primo album di Voodoo Kid pubblicato a novembre. ‘Lolita’, scritta e prodotta da Voodoo Kid e Renzo Stone, si pone perfettamente in linea con il racconto del disco ‘amor, requiem’, che in ogni traccia descrive le fasi di una relazione d’amore. Il brano parla di fantasie: desideri rivolti non alla nostra persona, ma ad un’altra che inevitabilmente idealizziamo nella nostra testa. È un tradimento mentale, puro perché spontaneo ma impuro nelle intenzioni.

“Non ti è mai capitato di vedere una ragazza per strada e restarne così colpito che ti metti ad idealizzarla – racconta Voodoo Kid – e la tua mente inizia ad immaginare situazioni, posti, addirittura discorsi che non sono mai avvenuti e forse non avverranno mai? Lolita per me significa questo: è quella ragazza che, anche se hai già qualcuno nella tua vita, sa farti perdere la testa; non la conoscerai davvero mai, la guarderai sempre da lontano anche da vicino, sarà irraggiungibile ed intoccabile anche tra le tue mani, e ne sarai sempre geloso, anche se sai che non sarà mai veramente tua”.

Cantautrice, producer e autrice italiana formata in Inghilterra, Voodoo Kid è uno dei volti della nuova scena musicale più rappresentativi della Generazione Z. Nell’epoca della fluidità di genere e generi, in un mondo dove il confine fra reale e virtuale è sempre più labile, in uno scenario dove il suono è analogico ed elettronico allo stesso tempo, Voodoo Kid è la perfetta rappresentante di una generazione che gioca con la sua identità liquida. La libertà è insita nel suo nome: scegli di chiamarsi kid, che è un termine neutro, slegato da ogni appartenenza di genere, perché ama definirsi più attraverso quello che è (una ‘mai adulta’ come si presenta lei) piuttosto quello che sembra.