‘Che prezzo ha’ è il brano di Laura Pizzarelli, attraverso il quale la cantautrice, pugliese di adozione (nasce a Genova) vuole parlare di rinascita, di denuncia e di verità. La canzone è stata realizzata durante la residenza artistica ‘Sound Bocs’ di Musica Contro le Mafie – prima Music Farm a sfondo civile mai realizzata in Europa – ed è il quarto estratto dalla compilation di brani inediti (etichetta Musica contro le mafie) contenuta, insieme a racconti, fotografie e video realizzati dai dieci artisti ospiti della residenza all’interno del libro di lettura aumentata ‘Sound BoCS Diary’, in uscita a marzo.

“Quando il passato ti soffoca, le uniche armi che hai a disposizione sono quelle della parola. Tutti i fantasmi svaniscono alla luce del sole – racconta Laura Pizzarelli – Non serve scappare, guardarsi indietro, rivangare il tempo andato annegando in un eterno quanto velenoso circolo vizioso.  Serve aria fresca da respirare a pieni polmoni senza più paura. Serve guardare in faccia i tuoi mostri per dirgli: ‘basta, adesso decido io che cosa fare della mia vita’. È una canzone sul coraggio di fare una scelta, a tutti costi, rendendosi conto di essere dopotutto abbastanza forti da reagire a una realtà che col silenzio annienta tutto.  Perché l’unica cosa che non si può davvero comprare è la nostra libertà”.