Fondazione Gaber pubblica una nuova puntata di ‘Far finta di essere sani’, nuovo format digitale a cura di Lorenzo Luporini  in cui artisti, attori e protagonisti della scena contemporanea propongono una riflessione su musica e attualità, scegliendo come punto di partenza per i loro approfondimenti uno dei brani dell’immenso repertorio di Giorgio Gaber. Ospite del terzo appuntamento è Cimini, cantautore calabrese ma bolognese d’adozione che, da qualche anno a questa parte, è uno degli artisti di riferimento del panorama indipendente italiano. Per l’occasione Cimini ha scelto come punto di partenza per riflettere sull’attualità il brano ‘Non arrossire’ (Mogol, Maria Monti).

“Penso di aver ascoltato il brano per caso, quando ho scoperto Gaber” racconta Cimini che a proposito della canzone la definisce “dolcissima, bella, in cui si parla dell’amore in maniera pura. E’ un tramonto in città in una Milano quasi da bere. A casa mia ci sono sempre stati libri con accordi e una chitarra non utilizzata per anni. Quando ho scoperto Gaber -prosegue Cimini- mi si è aperto un mondo perché oltre agli accordi e alla musica ci sono le parole e in questo caso mi sono appassionato alle parole: Gaber è stato un maestro silente per m””.

Il programma, prodotto dalla Fondazione Gaber, è realizzato con la collaborazione del Presidente della Fondazione Paolo Dal Bon. La regia e il montaggio sono di Bianca Pizzimenti.