Nati sotto un cattivo segno

Cresciuti a forza di pane e sangue

Io questo mare non lo conosco

Come è profondo

 

Quanti chilometri abbiamo fatto

Porto ancora la sabbia con me

Madre stringimi forte al petto

Solo non ce la faccio

 

E amore come siamo?

Stretti ci prendiamo

Forti di più ci sentiamo

E diventiamo una sola cosa

Per non morire più

 

E mettimi le mani davanti

Scendono lacrime come brillanti

Dove metterle, quando nasconderle, come scambiarle

Ma dimmi una cosa sola

Quando arriviamo ci aspetta un telo che ci asciuga

Ora la testa a pezzi, madre è fatta, mille sopra una barca

 

E amore come siamo?

Stretti ci prendiamo

Forti di più ci sentiamo

E diventiamo una sola cosa

Per non morire più

 

Nasciuti sutta un malu signu

Crisciuti a forza ‘i pani e sangu

Iu stu mari  ‘un lu canusciu

Comu è funnu

 

Quantu chilometri avemu fattu

Mi portu ancora ‘a rina appressu

Matri strincimi forti a’ u pettu

Sulu ‘un c’ a fazzu

 

E amuri comu semu

Stritti ni pigghiamu

Forti ni sintemu chiossài

E addivintamu na cosa sula

Pi  ‘un moriri chiù

 

E mettimi ‘i manu ravanzi

Scinninu lacrimi comu brillanti

Unni mettili, quannu ammuccialli, comu scancialli

Ma rimmi na cosa sula

Quannu arrivamu n’aspetta na tuvagghia ca n’ asciuca

Ora a testa a minnitta, matri è fatta, milli ‘ncapu na varca

 

E amuri comu semu

Stritti ni pigghiamu

Forti ni sintemu chiossai

E addivintamu na cosa sula

Pi  ‘un moriri chiù