chi lo sa se ti alzi ancora mezz’addormentata
se ti scaldi il petto con la tazza tra le dita
se ti fai la doccia sulle punte e a schiena un po’ inarcata
se ti provi tutti gli abiti e non c’è mai un sì
chi lo sa se cerchi dove l’auto è parcheggiata
se là in mezzo al traffico ti metti la matita
se ti volti verso me con la tua faccia stralunata
io mi vedo e chiedo perché invece resto qui
se è meglio esserci o non esserci
io non sono lì
lì dov’eri tu
quando un’aurora ci stupì
in quel temporale che un’estate ci ammattì
dentro un bacio eterno
che il cuore ci stordì
tra i desideri e i giuramenti
che il mondo non udì
che sento come se io fossi lì
chi lo sa se arrivi sempre all’ultimo affannata
se tu mangi poco e non ti trovi dimagrita
se ti alleni con la stessa maglia logora e bagnata
se ti vedi con le amiche a ridere di chi
chi lo sa se a cena ti sei solo un po’ ubriacata
se rientri tardi e ti abbandoni giù sfinita
se ti appoggi al mio cuscino con la testa già assonnata
io ti penso e ha un senso pure viverti così
che è come esserci e non esserci
io non sono lì
dove fosti tu
mentre una stella ci smarrì
lungo il falsopiano che un inverno ci tradì
sotto quella neve che i passi ci sbiadì
nelle carezze e negli abbracci
che il gelo intirizzì
che stringo come se io fossi lì
io non sono lì
dove sarai tu
e il nostro amore che appassì
con le parole e con le note
che poi il tempo ammutolì
che canto come se io fossi lì