Riccardo Inge, ingegnere-cantautore, pubblica il suo nuovo singolo ‘Mose’, un grido disperato di aiuto. “‘Ho bisogno di amore’ è una delle frasi più semplici da dire, ma più difficili da manifestare”, osserva Inge. “Tutti abbiamo bisogno d’amore, ma non sempre riusciamo a darlo o a riceverlo. Le mancanze e le paure si materializzano più facilmente quando si è da soli, di notte, davanti a un PC che passa le notizie del momento e qualche video su Youtube senza senso”.

“Ci si può perdere in sé stessi -prosegue Inge- ed è in quel momento che le persone che ti vogliono bene per davvero non mollano il colpo: anzi, rimangono in piedi, senza piegarsi, come un faro in mezzo al mare a segnare la strada per tornare a riva. Per tornare a casa”.

“Feci ascoltare questa canzone in studio da Simone Sproccati -racconta- e fu inizialmente scartata. Fu quasi per caso e forse per mia testardaggine che decisi di ripresentargliela su un’altra base, peraltro ricevuta da lui. Nella prima versione il chorus era l’attuale special. Lo modificai durante una serata alle terme, non so come mai, ma amo i posti strani per scrivere le canzoni. Probabilmente -aggiunge- l’acqua copre i miei versi mentre canticchio una nuova melodia. Si tratta probabilmente della canzone più pop che ho registrato ultimamente e avrei voluto presentarla per Sanremo Giovani se non avessero cambiato in maniera assurda l’età per presentarsi (sotto i 33 anni). Non dico che sarei arrivato in finale -conclude- ma sarebbe stato bello se non altro presentarsi e mettersi in gioco”.