A causa delle recenti disposizioni ministeriali per fronteggiare l’emergenza Covid-19 il programma di ‘Parade Eléctronique 2020’, è stato ristrutturato. Verranno trasmessi due eventi in streaming sul canale Youtube MMTcreativelab.  Il 14 novembre alle 18,30 verrà riprodotto ‘Ritratto di una città – Musica elettronica’ che racconta il suono di Milano abbinata a reinterpretazioni pittoriche. Il 20 novembre alle 18,30 ‘Maderna Moderno – laboratorio sulla storia e sulle attività dello Studio di Fonologia della Rai’ con un particolare focus sul lavoro di Henry Pousseur. Le registrazioni rimarranno archiviate nel canale Youtube.

Per ‘Ritratto di una città’, il 14 novembre verranno riprodotte le esibizioni di quattro diversi compositori – per appartenenza generazionale e provenienza di ambito estetico – ispirate dalla poetica di Bruno Maderna e riferite alla percezione sonora della città. L’apertura della rassegna è affidata a tre composizioni originali di Viel, Cuadrelli e Bienoise, ispirate a tre composizioni storiche di Bruno Maderna. Un modo per celebrare il centenario del compositore, fondatore e animatore dello Studio di Fonologia della Rai di Milano. Musica elettronica e reinterpretazioni pittoriche di Milano attraverso l’opera di Piero Leddi in una scelta di lavori dedicati alla città dagli anni ’60 agli anni 2000.

L’appuntamento del 20 novembre ‘Maderna Moderno’, inserito nella programmazione della Milano Music Week, è un laboratorio sulla storia e sulle attività dello Studio di Fonologia della Rai con un particolare focus sul lavoro di Henry Pousseur presso lo Studio. Il compositore belga realizzò un brano di musica elettronica con una concezione altamente innovativa che prevedeva la possibilità di remixare la sua composizione ad altri musicisti attraverso alcune regole. Una sorta di ‘opera aperta’. Avendo le tracce originali del compositore, grazie alla collaborazione con l’università Middlesex University of London, durante l’incontro si realizzeranno mix con caratteristiche differenti. Una versione precedentemente studiata e realizzata verrà presentata da Andrea Dall’Oro del Conservatorio di Como.