In radio e disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download ‘E tu vivi’, il nuovo singolo di Fabrizio Nitti. “È semplicemente una lettera ad un figlio in cui lo metti in guardia sulle difficoltà della vita esortandolo a vivere con caparbietà, passione e coerenza”, spiega  il cantautore genovese. “Ma è anche una lettera allo specchio, un rivedersi, ritrovarsi, come se in fondo la tua e la sua vita fossero legate da un filo invisibile, che a volte ti porta a viaggiare o ad aver viaggiato su strade magari simili ma diverse”.

Il videoclip per la regia di Simone Noli è ambientato in Liguria. “È stato bello lavorare con Fabrizio Nitti -sottolinea il regista- siamo partiti da una sua idea e abbiamo cercato di sviluppare una storia nella storia, dove gli occhi e il cuore di un padre vedono e immaginano suo figlio vivere la vita, consigliandolo ma rimanendo a quella giusta distanza per far crescere al meglio, attraverso le proprie esperienze, un uomo di domani. Abbiamo anche cercato di valorizzare l’entroterra ligure, in questo caso S. Olcese dove vive Nitti, e abbiamo avuto anche il privilegio di girare nel Parco Storico di Villa Serra, riconosciuto tra i parchi più belli d’Italia situato proprio nel comune stesso”.

Fabrizio Nitti, classe 1971 è nato ad Asti e vive a Genova da sempre. Nel 1985 conosce Paolo Agnello con il quale decide di formare un duo e con cui parteciperà, negli anni successivi, a più edizioni al Festival di Castrocaro. Nel 1997 vince l’Accademia di Sanremo, con lo stesso Paolo Agnello, portando sul palco il brano ‘Genova’ con cui partecipa a Sanremo Giovani. L’anno dopo, nel 1998, partecipa alla 48° edizione del Festival di Sanremo con il brano ‘I ragazzi innamorati’. A due anni dall’esordio sanremese, nel 2000, esce ‘Alkè’ – in greco: forza – il primo album del duo. Nel 2001 si esibisce in concerto presso la Sala Nervi a Città del Vaticano in occasione dell’assegnazione dei riconoscimenti di ‘Artigiano della Pace’ alla presenza del Santo Padre Papa Giovanni Paolo II.

È il 2002 e arriva il secondo posto al Premio Lunezia nella categoria autori con il brano ‘Liguria’ scritta sempre con Agnello. Nel 2003, Nitti e Agnello vincono il Premio Città di Recanati con la canzone Un giorno di ordinaria follia. Nel 2004 Fabrizio decide di intraprendere la carriera da solista ma non smetterà mai di collaborare, come autori, con Paolo Agnello. Tra il 2005 e il 2006 partecipa alla Premiazione Umberto Bindi, dedicata alla canzone d’autore, arrivando al secondo posto: la prima volta con il brano ‘Voglio anche te’ e la seconda con ‘Liguria’. Nel 2014 ha interpretato il brano ‘Noi due’ di Umberto Bindi pubblicato nel disco tributo ‘Il mio mondo solidale’, prodotto dall’associazione culturale La voce delle donne di Roma.

Il 2017 lo vede protagonista nell’album, ‘Una ragione per essere qui’. Un progetto nuovo, caratterizzato dagli arrangiamenti del violoncellista e arrangiatore, Stefano Cabrera dei GnuQuartet e del chitarrista Enrico Pinna. Fabrizio Nitti sta lavorando al suo nuovo progetto album. Di recente, proprio legata alle problematiche causate dal COVID-19 ha pubblicato il singolo ‘Resto a casa’ devolvendo tutti i diritti agli ospedali di Genova. Il 12 maggio in occasione della Giornata Internazionale dell’Infermiere ha pubblicato con il patrocinio di CGIL nazionale la canzone ‘Un uomo e una donna come te’.

Photo credit: Roberto Castruccio