‘Migliori di così?’ è il nuovo singolo di Il Sogno della Crisalide, disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali. Un brano scritto in pieno lockdown, con l’obiettivo di tradurre in chiave pop i sentimenti più torbidi suscitati dalla pandemia. Un’operazione non scontata, che pone al centro di una piccola indagine umana un’unica, fondamentale domanda: spinto alla paura, l’uomo è capace di compiere il salto evolutivo di cui avrebbe bisogno? Il brano, scritto da Vladimiro Modolo e registrato in estate, vede la produzione artistica di Matteo Gabbianelli (Kutso).

“È il mese di marzo 2020 -sottolinea Vladimiro Modolo-  l’Italia, ma poco dopo tutto il pianeta, si trova a vivere uno dei suoi momenti più difficili dal secondo dopoguerra, la pandemia da Covid-19. Il Paese si chiude in un lockdown senza precedenti, i morti si contano a migliaia e una domanda inizia a circolare con insistenza: quando tutto sarà finito, saremo persone migliori?”.

“La canzone -spiega- non fornisce la risposta né tantomeno lo spunto per una critica al genere umano, ma la semplice osservazione di come l’ambiente naturale, seppur per un periodo limitato, si sia ripreso i suoi spazi ed i suoi tempi, finendo col condizionare in meglio le nostre vite nonostante le resistenze umane al cambiamento”.

“Le acque dei fiumi e dei mari tornano limpide, la speculazione finanziaria cede parzialmente il passo all’economia reale e pure l’inquinamento si riduce drasticamente. Ed è così che le cose cambiano ed evolvono comunque, -conclude Modolo- in un mondo che per almeno qualche anno non sarà più lo stesso”.