Vorrei piovesse tutto agosto

Vorrei un anno peggiore di questo

Vorrei trovarmi con la faccia nel fango

Per sentirmi più fresco

 

Mi piacerebbe tornare a desiderare

Le gambe nude rivolte al sole

Ma preferisco che l’inverno non tardi

Ad adombrarmi le ore

 

Ma non sarebbe bello

Se ad un certo momento

Tutte le coppie del mondo

Si separassero?

Milioni di possibilità

Di ritrovarsi chissà

Di essere liberi come appena nati

E non rincorrersi da disperati

In questa grande città

Che non conosco più

Da quando mi hai guardato tu

 

Vorrei un’estate fredda e severa

Come la fine che hai saputo inventare

Vorrei finissero le stelle cadenti

E che la luna cominciasse a cadere

 

Il maledetto canto delle cicale

Insopportabile rumore

Che ogni anno irrimediabilmente

Mi sta   graffiando l’umore

 

Ma non sarebbe bello

Se ad un certo momento

Tutte le coppie del mondo

Si separassero?

Milioni di possibilità

Di ritrovarsi chissà

Di essere liberi come appena nati

E non rincorrersi da disperati

In questa vecchia città

Che non conosco più

Da quando mi hai guardato tu

 

Questo sentimento

Se prima era un cerchio perfetto

Adesso è un pallone sgonfiato

Calciato col piede sbagliato

 

Ma non sarebbe bello

Se ad un certo momento

Tutte le persone nel mondo

Si abbracciassero?

Milioni di possibilità

Di dimostrare chissà

Che questa assurda esistenza

È tutto fuorché una minaccia

Come questo sentimento

Che tornerà al suo posto

Lo calceremo col piede giusto…