Estate, voglia di ballare, magari anche con brani cult del passato riletti in chiave contemporanea. È quello che propone El Tano Project (Emanuele ‘Paps’ Cozzi e Alessandro Dj Stecca Pizzi) con il singolo Catch The Fox’, rivisitazione dai ritmi reggaeton del celebre brano di Den Harrow (datato 1986), che vanta il featuring dello stesso Paps e Ricky Santoro.

Un progetto nato da un incontro umano e artistico che si è rivelato particolarmente fortunato. Galeotto un taglio di capelli, come racconta Paps: “Ci siamo conosciuti nella bottega di Saverio Pellegrino, in viale Umbria a Milano. Io ho iniziato a frequentarla grazie a Leone Di Lernia e con lui ho passato lì interi pomeriggi. Quando Dj Stecca andava a tagliarsi i capelli portava spesso con sé i suoi dischi e cd del passato, tra i quali c’erano anche dei miei successi, che mi ha fatto autografare con dedica. Ci siamo subito trovati in sintonia”.

Da lì a collaborare insieme il passo è stato breve: “Durante una mia serata, ho iniziato a mettere dischi anni ’80 tra cui ‘Catch The Fox’. Un ragazzo però mi ha chiesto un po’ di reggaeton -racconta DJ Stecca- così ho creato una sorta di mashup in diretta che è venuto talmente bene che ho deciso di farlo ascoltare a Paps. In seguito, insieme a Gianluca Fatigati e a Leo Curiale, abbiamo iniziato a lavorare a questa rivistazione del brano di Den Harrow, facendolo ascoltare anche agli autori originali del pezzo ovvero Fio Zanotti e Roberto Turatti. Quindi con le voci di Paps, Ricky Santoro e Melody Castellari abbiamo completato il singolo”.

“Mi ricordo che, quando andavo al liceo in bus, mi fermavo con un mio amico in un bar di zona Lotto che aveva un juke box vicino al bancone e, ogni volta che arrivavamo, lui metteva in loop proprio ‘Catch The Fox’ e ballava scatenato”, aggiunge Paps.

È proprio questo il percorso che El Tano Project ha intenzione di seguire con il primo Ep, in uscita il 31 agosto, che conterrà anche due hit degli anni ’90 e una dei 2000. “L’obiettivo del progetto -ribadiscono Paps e DJ Stecca- è la fusione tra la musica moderna e quella del passato, per mantenere sempre viva la voglia di ballare, oggi più di ieri”.